venerdì 10 settembre 2010

Stipendi

Foto presa da internet

Non sapevo che un professore della scuola superiore guadagnasse 1.200 euro netti al mese...
Non riesco ancora a riprendermi da questa notizia.
Ho sempre sentito dire che gli insegnanti guadagnano poco ma pensavo fosse un poco relativo.
Certo se calcoliamo la paga oraria, se un prof. lavora in media 18 ore la settimana...siamo intorno alle 15 euro nette all'ora.
Mi viene da ridere!!!
Per qualcuno il fatto che un professore che insegna ai propri figli, che può avere un'incidenza importante sul loro futuro, che può contribuire a migliorare, o peggiorare, la loro vita è un'ottima paga!
E' anche vero che un professore non può scegliere personalmente di fare più ore di quelle che gli vengono assegnate ma è altrettanto vero che se fa il suo lavoro con passione e impegno le ore effettivamente lavorate sono molte di più: bisogna preparare le lezioni, correggere i compiti e tenersi un minimo aggiornati...

Magari la cassiera di un supermercato guadagna la metà all'ora. Ma, con tutto rispetto, non ha tra le mani il futuro della società.

10 commenti:

  1. Vorrei puntualizzare le 18 ore la settimana.

    C'è qualcuno, come la sottoscritta (laureata) che guadagna 1500 euro al mese.
    Niente male dirai, ma io lavoro 40 ore la settimana (se non contiamo gli straordinari che non mi vengono pagati).
    Quanto guadagno netto all'ora? Meno di 10 euro/ora e non ho il tempo per seguire la mia famiglia, mentre gli insegnanti questo vantaggio ce l'hanno.

    Con questo non voglio dire che non vengono sottopagati ma non concentriamoci solo su questa categoria quando la maggior parte della gente (a parità o con maggiore istruzione) guadagna molto meno.

    Pensiamoci.

    RispondiElimina
  2. Grazie per questo post.
    Puntualizzo che le 18 ore settimanali sono solo teoriche. Non è vero. E non solo perchè ci sono i buchi tra un'ora e l'altra e tu comunque resti a scuola, non solo perchè ci sono i distaccamenti e i trasferimenti di sede, non solo perchè ci sono le riunioni, i consigli, i collegi, i dipartimenti, i ricevimenti pomeridiani dei genitori... Non solo perchè stare con 30 adolescenti non è proprio come lavorare in ufficio... non posso neppure uscire a fare la pipì, per intenderci... Ma soprattutto perchè per preparare 10 minuti di una BELLA lezione ci vuole almeno un'ora... e ci sono compiti da correggere e da preparare per classi di -in media- 30 alunni. Compiti a volte a cadenza settimanale... E c'è da programmare l'andamento delle lezioni e delle interrogazioni...
    Siamo professionisti.
    Nessuno si mette a fare i conti in tasca a un architetto che ha lo studio in casa. Nessuno si sogna di dire che è un privilegiato che lavora poco e che può stare con i figli.
    Certo, il mio lavoro mi consente una relativa flessibilità, maggiore di quella di chi sta in ufficio 8 ore... ma mi porto tantissimo lavoro a casa, lavoro impegnativo se non volglio limitarmi a "dare i numeri"... e mi porto a casa tanti pensieri, almeno 30 per classe, e una tensione che nessun cartellino allenta... E se accompagno in Italia una classe in gita, lo devo fare praticamente gratis.

    RispondiElimina
  3. Messa così... effettivamente lo stipendio non è adeguato!!!
    Mi sono fatta i conti in tasca e io guadagno circa 8euro all'ora nette (ho calcolato sullo stipendio), ma faccio un lavoro che non comporta grandi responsabilità, non ho nelle mie mani il futuro di nessuno, se sbaglio poco male, si rimedia facilmente.....
    Un bacio
    Francesca

    RispondiElimina
  4. Scusa, ti pare che in Italia abbiano la minima coscienza che l'istruzione è alla base del nostro futuro? Parrebbe di no, visto che la mannaia, i tagli, le riduzioni si abbattono sempre lì.
    Pare che la scuola "migliore" sia in Finlandia, dove, incidentalmente, i prof ricevono ottimi stipendi e sono stimatissimi a livello sociale.
    Esattamente come da noi.... :(

    RispondiElimina
  5. Senza stare a sindacare sull'importanza del lavoro di ognuno di noi voglio dirti ,da mamma, che gli insegnanti non solo non hanno uno stipendio adeguato ma neanche l'appoggio dei genitori! La mamme nella maggior parte dei casi difendono i loro figli ribelli trovando mille scusanti e io non sono una di loro, sono solo una mamma che insegna ai propri figli il rispetto e la buona educazione e che ha incontrato insegnanti bravissimi coi quali collaborare per il bene dei ragazzi e pessimi coi quali è stato molto difficile confrontarsi.....ad ogni modo non hanno un compito facile e i genitori nella maggior parte dei casi lo rendono ancora più difficile!

    RispondiElimina
  6. Sono 25 anni che sono al mondo e sono 25 anni che sento gli insegnanti lamentarsi del proprio stipendio ed inveire a destra e a manca. Molte ore di scuole le ho perse per i loro scioperi. Io non so dove sia la realtà e la verità. Sono semplicemente in una condizione di allergia alla scuola e agli insegnanti in genere.
    NOn li tollero a pelle.
    Non li ho mai sentiti propositivi, raramente li ho sentiti con un briciolo di passione per quel che fanno, ancor più raramente con il senso civico del loro mestiere attivato.
    Lagne, lagne, lagne.
    Che sia vero o falso tutto il cucuzzolo di insoddisfazioni che scalano giornalmente non lo so.
    Io so che se c'è qualche cosa che non va nella mia vita faccio in modo di poter migliorare la situazione.
    A volte ho avuto la sensazione che tanti di questi erano braccia strappate all'agricoltura.
    Sarò dura.
    Ma sono veramente incapace di avere a che fare con questo mondo senza uno sguardo diffidente e disincantato.

    RispondiElimina
  7. Ciao, condivido il primo commento .. l'insegnante ha una responsabilità sociale altissima, e un bravo insegnante è un professionaista che crede nel proprio lavoro e investe ore non pagate per lezioni aggiornamento etc. Due osservazioni:
    1) con questo ragioanmento, lo stipendio dovrebbe essere commisurato alla responsabilità sociale di una professione: oltre agli insegnanti, allora, pensiamo agli educatori e agli animatori di centri diurni per anziani o per ragazzi, agli assistenti sociali, ai soccorritori di ambulanza, chissà quanti altri me ne potrebbero venire in mente ... mio marito ha uno stipendio da operaio! significa che guadagna ben meno di 1200 eur al mese! e la responsabilità di portare soccorso a un uomo in fin di vita è altissima!
    2) e tutti qugli insegnanti che non sanno di aver davanti il futuro della società, fiori da far sbocciare, ragazzi da accompagnare nel cammino verso l'età adulta? quelli che fanno danni, che se ne fregano, che non hanno rispetto, che non sono preparati? qual è la percentuale di questi insegnanti, rispetto agli altri? e allora dovremmo introdurre anche nell'insegnamento un criterio meritocratico?

    Sono domande alle quali anche io non ho una risposta.. c'è molta diseguaglianza, e quella degli insegnanti è una categoria professionale che ha solo più facilità di altre a far sentire la propria voce.
    f.

    RispondiElimina
  8. @Caro Anonimo, non credo che guadagnare 1500 euro al mese sia una buona paga. Per niente.
    E credo che tutti gli stipendi in generale vadano rivalutati.
    Ma con questo mio post volevo puntualizzare sul fatto che IO vorrei che chi ha in mano in parte il futuro dei miei figli fosse molto più valutato rispetto a qualsiasi altra categoria, che pur studiando di più etc.etc. non ha tra le mani i ragazzi.
    A mio parere anche una tata dovrebbe guadagnare moltissimo...

    E per quanto riguarda il fatto che in questa categoria, diciamolo chiaro, ci siano degli incompetenti mi chiedo se sia proprio perché molte "menti geniali" rinuncino all'insegnamento perché oltre ad essere mal pagato è anche mal considerato.

    Condivido pienamente Piccolalory.

    Mio fratello sta decidendo l'università, anzi, in realtà lui si è iscritto a Lettere e vorrebbe fare l'insegnante. Non potete immaginare quanto è stato sconsigliato e a volte deriso per questa scelta.

    RispondiElimina
  9. Il problema credo che oggi i lavoratori dipendenti guadagnino molto poco rispetto al costo della vita, gli insegnanti non sono considerati molto socialmente e questo pesa anche sulla retribuzione, bel blog comoplimenti

    RispondiElimina
  10. io ho una madre insegnante..... e conosco quindi la spinosa situazione stipendi.....
    fortunatamente ha sempre amato il suo lavoro (ora è in pensione da 1 anno) ed è stata arrichita dall'aspetto umano.... lo stare con i bambini ed educarli per una vitra da adulti è impagabile

    RispondiElimina

Iscriviti per ricevere la risposta.