martedì 3 gennaio 2012

Tu, mio - Erri De Luca (1998)

E' il primo libro che leggo di Erri De Luca e mi è piaciuto per la dolcezza e la poesia. 
E' un racconto di poco più di cento pagine che riesce a trasmettere davvero tanta delicatezza, soavità, amore nonostante quello che accade, è accaduto e, forse, accadrà.
Mi è piaciuto molto il ragazzo protagonista, la storia è scritta in prima persona, che ha una gran voglia di imparare, conoscere, sapere e amare.
Il suo gesto finale, drammatico e folle, arriva ad essere comprensibile...
"E io dovevo chiedere e chiedere a chi non voleva più rispondere e intanto la storia spazzava via la polvere insieme alla cenere dei bruciati e crescevano le foreste sulle fosse comuni e tutta la vita spingeva avanti e nascondeva dietro."

Siamo negli anni '50. Il protagonista è un ragazzo napoletano di sedici anni che passa tutte le sue estati in piena libertà sull'isola di Procida, va a pesca con lo zio e con Nicola, s'impegna pesantemente per riuscire bene in quello che fa.  E' interessato a sapere tutto sulla guerra appena finita, ma le persone che l'hanno vissuta sono restie a parlarne.
"Prima di tutto mi disse che cercar risposte dagli altri è come calzarsi al piede una scarpa d'altri, che le risposte uno se le deve dare da sé, su misura."
Quell'anno sull'isola frequenta i ragazzi più grandi e si innamora di Caia. Tra loro si crea una magia, quello che lui desidera è proteggerla. In lui lei vede il padre morto durante la guerra, perché Caia è ebrea, e ha vissuto la deportazione. Inspiegabilmente il ragazzo incarna il padre ed è come se fosse proprio lì per salutarla. Il sentimento di odio del ragazzo per i tedeschi e i loro crimini di guerra cresce ulteriormente quando in una pizzeria Caia è sconvolta nel sentire un gruppo di tedeschi che cantano canzoni naziste. E quindi il ragazzo decide di fare un gesto molto tragico e "violento" per vendicare un passato che, però, non si può cambiare. 

7 commenti:

  1. si ma una come può competere con te nella sfida dei libri da leggere? ... tu 35 li fai in una settimana....
    :) :)

    RispondiElimina
  2. Adoro Erri De Luca.....il giorno prima della felicità, il contrario di uno e In nome della madre sono i miei preferiti!!!!

    RispondiElimina
  3. Adorato tanto questo libro da convincermi a leggerli tutti i libri di De Luca!e sono uno meglio dell'altro!
    Buon anno!

    RispondiElimina
  4. ahahahahah busola hai ragione!!!! Alchemilla ci brucia la sfida di un anno in poche settimane! =)))

    Erri De Luca mi sta piacendo molto...dopo averlo leggiucchiato un pò...ma approfondirò, grazie per questa recensione.

    RispondiElimina
  5. Che bellezza!! Scopro adesso questo tuo post: sono giorni un po' caotici per me e navigo poco, ma ... mi fa molto piacere che ti sia piaciuto questo libro e tu abbia scoperto Erri De Luca.

    RispondiElimina

Iscriviti per ricevere la risposta.