lunedì 1 marzo 2010

Chi troppo vuole...

Vorrei. Questo dovrebbe essere il mio soprannome.
Perché vorrei veramente molto.
Vorrei essere sempre allegra e sorridente anche dentro casa.
Vorrei essere attiva e organizzata.
Vorrei imparare bene quattro lingue.
Vorrei leggere tutti i libri che ho in casa e anche quelli che non ho.
Vorrei riuscire a creare qualcosa con le mie mani.
Vorrei fare sempre splendide fotografie.
Vorrei cucinare in maniera sana e creativa.
Vorrei essere dolce e gentile, disponibile e incantevole con mio marito.
Vorrei essere dolce e paziente, propositiva e comprensiva con le mie figlie.
Vorrei tenere la casa pulita senza troppa fatica.
Vorrei vivere gli obblighi con serena rassegnazione e organizzato impegno.
Vorrei avere la possibilità di fare spesso uscite cultural-naturali.
Vorrei anche riuscire a valorizzare i talenti delle mie figlie, rispettando le loro difficoltà.
Vorrei anche accettare con più indulgenza i difetti di mio marito e evidenziarne i pregi.
Vorrei seguire più spesso il mio istinto.
Vorrei non dimenticarmi di fare quello che mi fa stare bene.

Chi troppo vuole...

8 commenti:

  1. Ehi, ma mi hai letto nel pensiero?????????
    Sembra che tu abbia fatto una fotografia alla mia testolina, mi sono specchiata in tutte le tue frasi!!!
    Ti dirò, mi hai fatto sentire meno sola nel mio continuo tentativo (spesso vano) di tener fede ai buoni propositi, e nella continua ricerca di miglioramento.
    Sono sicura che se un giorno al posto di "vorrei" scriverai "sono capace, sono in grado di...", la tua lista sarà molto più lunga e mettendo nero su bianco ti renderai conto della ricchezza dei tuoi talenti (e lo dimostri ogni giorno con il tuo splendido blog).
    Ciao ciao
    Francina

    RispondiElimina
  2. Grazie Grazie Francina.
    Il post era programmato. Già oggi mi sento MOLTO meglio! Perchè alcuni vorrei li ho applicati.
    Per concludere...vorrei applicarmi più spesso...
    Un abbraccio!!!!

    RispondiElimina
  3. Oh, quanti "vorrei" potrei aggiungere..
    Che io sappia c'è una sola donna che fa tutte queste cose insieme (anche qualcosina in più): Mary Poppins "Praticamente perfetta sotto ogni punto vista" ;-))
    Ma se ci lavoriamo un po' su.. magari non impareremo a volare con l'ombrello, però possiamo migliorare.. :-)

    RispondiElimina
  4. E' piacevole leggere che non sono la sola ad avere tanti "vorrei" e pochi "voglio". Io vorrei...vorrei...il punto è proprio questo:trasformarli in voglio per me è difficile!

    RispondiElimina
  5. ohhh assomiglia alla mia lista... ma per non far sì che si allunghi solamente ho incominciato a prendere in considerazione un solo "vorrei" alla volta, trasformandolo in " adesso determino di fare questo"... epiano piano qualche luce all'orizzonte si intravede :)
    d'altra parte da qualche parte bisogna pur incominciare ;)
    un abbraccio solare
    StefiB

    RispondiElimina
  6. Buon Giorno Cara ALCHEMILLA,
    scusandomi per l’ermetica esposizione, poggiando i mie sinceri strani pensieri sulle note dei tuoi giusti preziosi perché; mi chiedo perché negarsi quei giusti saggi non futili naturali VORREI, Cosa vieta all’essere umano di manifestare il suo sincero amorevole cuore? Quali limitazioni possono indurlo a negarsi qualcosa di GIUSTO che di sicuro lo farebbe stare meglio? Certo sono tante le INDUTTANZE SIA INTERIORI CHE ESTERIORI, e molte volte queste sono consapevolmente o inconsapevolmente dettate dai CONDIZIONAMENTI etici / religiosi / morali / sociali / politici ecc., ma come è sempre stato detto in ogni continuativo tempo da tanti maestri di saggezza, considerando che per quella divina figliolanza nell’intimo cuore di ogni essere alberga DIO, COSA FRENA IL PROPRIO DIO INTERIORE DI MANIFESTARE FUORI TUTTO IL SUO IMMENSO VERO AMORE? Certo è un dio da riscoprire con tanta forza interiore e soprattutto con tanto AMOREVOLE CUORE. Se poi consideriamo che SIAMO IL FRUTTO DEI NOSTRI SOGNI dove ogni benevolo pensiero cristallizzato diventa REALTA’ allora cadono i veli esistenziali che tanto ci allontanano dalla nostra vera essenza dell’IO SONO. Solo quanto ogni saggio pellegrino diventa lo stesso suo sentiero si connette con l’indefinibile pensiero del suo osservatore/creatore, solo in questa visione il saggio viandante dall'alto della sua proiettata coscienza più elevata può influire sui piani di coscienza inferiori alterando, come per magia, lo stato delle vibrazioni elementali che informano la realtà naturale delle cose per realizzare i sui GIUSTI SAGGI PROPOSITI.

    Quindi penso che se i propri propositi, non sono futili, ma ispirati da nobili intenti, allora è anche giusto che possano sublimare e cristallizzare in realtà manifesta.

    RispondiElimina
  7. Soprattutto non dimenticarti di fare quello che ti fa star bene.
    Un caro saluto

    RispondiElimina
  8. Eh Giulia hai ragione. Ci sto provando in questi giorni e magicamente anche tutto il resto sembra più semplice!

    Ma ha ragione Stefi un passo per volta...
    Quanti spunti di riflessione e condivisione dai miei vorrei.
    GRAZIE!

    RispondiElimina

Iscriviti per ricevere la risposta.