mercoledì 9 giugno 2010

L'età media


Ci viene sempre più spesso ricordato che viviamo molto di più che in passato.
Ma io ho provato ad analizzare questo dato.
E' da molto tempo che calcolo l'età di morte di vari personaggi storici oppure leggendo i loro alberi genealogici.
Ho così scoperto che moltissime persone vivevano veramente a lungo anche in passato.
E così si scopre che moltissime morti erano infantili. Molte altre causate da incidenti sul lavoro, oltre che molto spesso dalle guerre.
Accanto a questi moltissimi ultraottantenni. Ma la media, naturalmente, è molto bassa.

Oggi, invece, si vive molto più a lungo ? Sì, ma solo mediamente.
Le morti infantili sono drasticamente diminuite, gli incidenti sul lavoro altrettanto, inoltre vengono salvate moltissime persone che vivono a lungo anche in stati veramente gravi. E molti anziani sono tenuti in vita in condizioni pietose, vegetative.
Fondamentali sono questi dati per valutare se veramente si vive di più. Ed anche, COME si vive questo di più?

In passato, prendendo in considerazione il periodo '800-'900 , tre erano i fattori principali che causavano malattie e decessi (compresi quelli infantili, di gravidanza e parto): mancanza di sicurezza, mal nutrizione, assenza di igiene.

Oggi, almeno in Italia, molte di queste condizioni sono risolte. Viviamo in case calde, confortevoli e pulite, mangiamo cibi relativamente sani e sicuramente non siamo denutriti, abbiamo parecchie misure di sicurezza che ci proteggono.
Anche le malattie infettive di origine sia virale che batterica non costituiscono più un'importante causa di morte. Ci curiamo facilmente da influenze, scarlattina, gastroenterite, etc.
Anche gli "errori" dei medici sono diminuiti grazie all'evoluzione di tutta la tecnologia applicata in medicina.
Molte malattie dell'apparato circolatorio e respiratorio, che causavano moltissime morti in passato, sono ora curate grazie alla chirurgia e anche ad alcuni farmaci.

Inoltre, va considerato, che anche le condizioni di vita e lavorative sono nettamente migliorate, permettendo una vita più agiata, tempi di riposo più lunghi, e, in generale, molto più benessere e meno fatica (anche quella ammazza!)

Leyla mi ha appena lasciato questo link. E' una splendida poesia, estremamente rivelatoria nella sua semplicità.

6 commenti:

  1. Mancanza di sicurezza...
    mal nutrizione...
    assenza d'igiene...
    Queste sono le cause della malattia... mi trovi perfettamente d' accordo. Lo sai che contro la peste non è stato fatto nessun vaccino eppure è scomparsa (tranne in alcune zone dove ancora persistono appunto la mancanza di sicurezza nella gestione del proprio domani (vedi l' incidenza delle piu' grandi pandemie proprio durante i periodi delle guerre), la mancanza d'igiene e la mal nutrizione... interessante questo tuo post. Ciao :-)

    RispondiElimina
  2. Grazie Anna, mi fa piacere che trovi interessante questo argomento.
    Ho inaugurato questa nuova categoria "Pulci" in cui voglio dire tutto quello che penso su certi argomenti che mi stanno a cuore!

    RispondiElimina
  3. Ahh, ecco le famose PULCI ....
    Attendo con curiosità.
    DaniVS

    RispondiElimina
  4. Anche a me piacciono le tue "pulci".
    proprio stamattina ho letto una poesia qui che mi é piacciuta molto e che mi é tornata in mente leggendo il tuo post.
    http://sognatricenewyorkese.blogspot.com/2010/06/prima-di-partire.html

    Buona giornata
    Leyla

    RispondiElimina
  5. Leyla GRAZIE!!!
    Il link che mi hai dato mi ha portato a parole stupende, rivelatrici e vere!
    Lo metto subito nel post.

    RispondiElimina
  6. Interessante come riflessione....
    certo che a volte immersi nel prodigarci a cercare di sconfiggere la "morte" ci dimentichiamo davvero di vivere la "vita" ;)
    un abbraccio
    StefiB

    RispondiElimina

Iscriviti per ricevere la risposta.