domenica 5 settembre 2010

Veganch'io!


Sarò breve perché lo stato d'animo non è molto migliorato.
Vi faccio anche notare che tutti i post che leggete in questi giorni sono stati programmati nella mia fase estremamente produttiva di agosto.
Però a VEGANCh'io sono stata contenta di aver partecipato.
Ho raccolto molte informazioni, c'erano dei cartelloni molto esplicativi e tantissimi opuscoli da prendere.
Non posso più dire di non sapere.
Il pranzo è stato veramente gustoso:
Panzanella come antipasto
Lasagne come primo
Arancini di riso come secondo
Peperonata come contorno
e Torta come dolce.
TUTTO VEGAN.

Posso dire che sono sempre più convinta che la scelta vegan sia quella giusta ma scoraggiata perché per tutto serve fatica!

Però la storia di MOMO che ha raccontato Sybille nei commenti al post precedente mi è molto di conforto.
Devo iniziare dalla mia piastrella, una per una, senza guardarmi in giro, quando alzerò gli occhi la mia strada sarà pulita e nemmeno mi sarò accorta della fatica.

2 commenti:

  1. Non sai come mi sento io in questi giorni, anche se lo puoi facilmente immaginare. Ho letto anche io il commento di Sybille e mi ha dato un po' di conforto.
    Abbiamo una lunga strada davanti a noi, soprattutto Robi, e mi sembra tutto immensamente difficile. Dopo i primi giorni quasi di entusiasmo (finalmente una diagnosi, la sua malattia ha un nome finalmente) mi sono resa conto che le cose sono più difficili di quanto si pensi. Si, è vero che cambiando casa e vita si modifica il suo stato, ma non è così semplice... e intanto il tempo passa e le cose non migliorano da un giorno all'altro.
    Comunque, ritornando all'argomento del tuo post: sono arci-convinta che mangiare sano sia importante e la scelta vegetariana o vegana contribuisce sicuramente a migliorare lo stato di salute delle persone (e del Pianeta!!!).
    Adesso che la conversione al biologico è gioco forza totale, anche i miei famigliari hanno fatto i conti con la carne... non sono vegetariani ma certamente ne mangiano di meno (per una questione di costi) ma tutto sommato è meglio poca, anzi pochissima, ma buona!!!
    Sarà un caso? Non so... ma qualcosa in Roberto è cambiato... Impercettibile, quasi un'illusione... ma qualcosa è cambiato. Non vorrei fosse solo sogno!!!
    Ti abbraccio forte
    Francesca

    RispondiElimina
  2. Forse la frase che ho scritto qualche giorno fa "La natura ha una capacità mostruosa di rigenerarsi. Basta lasciarla in pace." vale anche per l'uomo.
    Tuo marito potrebbe reagire un poco, anche se lentamente, a tutto quello che stai facendo per lui. E lasciarlo in pace in questo caso è il cibo biologico e sano che non lo riempie di chimica, ormoni ed antibiotici.
    Ti abbraccio forte anche io convinta che è realtà!!!

    RispondiElimina

Iscriviti per ricevere la risposta.