sabato 15 gennaio 2011

02. La mia promessa e il diario

LA PROMESSA
Ho deciso di tenere con me questo ciondolo, che mi ero regalata lo scorso Natale e nemmeno mi ricordavo più di avere, rappresenta una libellula, scelta come simbolo della mia promessa, del mio cambiamento.
Il nome libellula deriva dal latino, diminuitivo di Libella che è diminuitivo di libra, bilancia, perché nel volo tiene le ali bilanciate.

Voglio iniziare, quindi, a dimenticare la parola bilancia come legata a qualcosa di terribile, perché bilanciare ha un significato bellissimo e utile per me in questo momento. Bilanciare significa, infatti, tenere in equilibrio.

La mia promessa è di trovare l'equilibrio, l'equilibrio sereno tra il corpo e la mente, tra l'attività e la passività, tra i momenti di banchetto e quelli di sobrietà.

Ma l'equilibrio anche nella preparazione di cibi sani e nutrienti, nella diminuzione degli sprechi e nel consumare cibi di stagione.

Perdere qualche chilo è sinonimo di serenità e di possibilità.
La serenità di aprire l'armadio e vestirsi velocemente in modo comodo, o di farsi belle una sera senza pensarci troppo.
La possibilità di muoversi con leggerezza, di avere meno dolori, soprattutto al ginocchio e alla schiena, di avere un intestino sano, di camminare sempre di più.
Provate a scrivere una promessa che vi emozioni che rileggerete spesso durante questo percorso.


IL DIARIO

Prima di partire bisogna prepararsi a tenere un diario. Un diario sintetico, schematico, che non badi troppo alla forma e non ci porti via troppo tempo altrimenti lo interromperemmo nel giro di pochi giorni.
In questo diario annotiamo gli avvenimenti della giornata, cercando di porre l'accento sugli effetti che hanno avuto su di noi.
Potrebbe esserci una breve descrizione della giornata e alla fine un commento che spieghi se quella giornata ci è piaciuta oppure no, potremo renderci conto quando ci lasciamo influenzare dagli avvenimenti, sfogandoci sul cibo.
Potremo osservare quello che ci fa stare meglio e le situazioni che ci mettono un po' in crisi con un occhio più obiettivo, quasi esterno, perché scritto su carta e non solo pensato.

4 commenti:

  1. Ciao... buon Sabato...io già lo sto tenendo un Diario e sono fiera di me...5 giorni di vera dieta ed esercizio fisico [a casa, perchè x motivi di studio, x adesso non posso tornarci]. So che è un piccolissimo traguardo però stamattina allo specchio mi è piaciuta la sensazione che ho provato...credo scriverò un post x condividere la mia sensazione.
    Mi piace tutto quello che hai scritto perchè lo condivido...anche a me la parola EQUILIBRIO mi ispira e mi piace.
    Mi piace questa tua "rubrica".
    A presto.

    P.S.: non mi sono pesata ad inizio dieta. Farò in modo diverso da come ho sempre fatto. L'obiettivo stavolta è un altro. Il mio benessere psicofisico. Tanto me ne accorgo se dimagrisco o meno. Penserò alla bilancia più in là. =)

    RispondiElimina
  2. sopra ho tralasciato di dire che non posso tornare in palestra x motivi di studio ops =)

    RispondiElimina
  3. Bello questo post pieno di energia! Qui gravidanza a dolci praticamente zero... ho deciso di viverla come una forma di offerta e cura... e ti dirò che all'inizio è stata dura... ma ora faccio quasi fatica a guardarli e non li desidero!

    RispondiElimina
  4. @Ninfa grandissima! Non so quanto tu debba perdere ma sento che siamo sulla buona strada!

    @Lory, sei fantastica! Io non ce l'ho proprio fatta nelle due gravidanze...anzi...

    RispondiElimina

Iscriviti per ricevere la risposta.