venerdì 29 aprile 2011

?

Ribadisco il mio immenso amore per il Lago di Garda.

Confesso il mio dispiacere per non averlo scoperto prima come luogo di vacanze profondamente rilassanti. 
Ammetto che se l'avessi capito qualche anno fa avrei passato le mie primavere di congedo parentale in uno degli accoglienti campeggi di cui è (troppo?) ricco.

Ma mi chiedo...Perché c'è sempre un retroscena?





Non ci sono troppe barche sul Lago?


Non sporcano troppo?


I campeggi sono luoghi che producono rifiuti non differenziati...

I campeggiatori non sono il massimo in quanto ad ecologia...

Le cassette mobili saranno riciclabili, saranno sostenibili???







Vorrei raccontare della splendida vegetazione che riempie gli occhi e il cuore in questa stagione, dei profumi, del bene che fa alla mia famiglia trascorrere qualche giorno al Lago di Garda ma...

Oggi sto pensando a quanto spreco e a quanto inquinamento viene prodotto per questi momenti di relax...

3 commenti:

  1. Concordo, qua in valle ci sono spesso zone per camper in prossimità degli impianti di risalita. E per la "corretta gestione" ci si affida direttamente al buon senso dei camperisti. Risultato: una volta finita la stagione si trovano rifiuti dappertutto (una zona x camper è adiacente al torrente Avisio, quindi ti lascio immaginare sulle sponde del torrente cosa si può trovare... dagli scarponi da sci rotti e lasciati là, a bottiglie, rifiuti organici, ecc.). Inoltre non essendo queste zone provviste di "scarichi", mi chiedo come facciano i camperisti... Va beh...

    RispondiElimina
  2. Ovviamente non voglio fare di ogni erba un fascio, sono sicura che la maggior parte dei camperisti si comportano ecologicamente, io stessa uso il camper. Ma ci sono anche persone che non hanno la minima coscienza ecologica e se ne sbattono altamente...

    RispondiElimina
  3. Essere rispettosi dall'ambiente sembra una meta ancora lontana qui in Italia: Darsi delle regole non è proprio il punto forte del nostro paese e l'esempio dall'alto non è dei più edificanti. Ma ugualmente cerchiamo di goderci quello che la natura comunque ci regala.
    Un caro saluto
    Giulia

    RispondiElimina

Iscriviti per ricevere la risposta.