martedì 14 giugno 2011

Il positivo

Ieri è accaduto anche un fatto positivo nel mio paese che critico sempre.
In classe con mia figlia, prima media, è arrivato un ragazzo da una comunità di accoglienza con gravi problemi alle spalle. Un ragazzo di origini brasiliane, strappato ai genitori. Ha 14 anni. Il suo comportamento in classe è di menefreghismo, volgarità, mancanza di rispetto per l'autorità, etc. etc.
Alcuni genitori hanno chiesto di spostare il ragazzo in un'altra classe per "dividere" il problema un anno per uno...Hanno quindi convocato una riunione con la dirigente, si sono presentati parecchi genitori. E quelli assenti avevano espresso la loro opinione telefonicamente ai rappresentanti.
Siamo arrivati alla conclusione che tutti i genitori (a parte una) sono d'accordo che spostare il ragazzo sarebbe l'ennesimo atto di abbandono e maltrattamento che subirebbe. Non sarebbe una soluzione ma un gesto di "scaricabarile" poco maturo e poco adulto. 
Ci siamo ripromessi  di incontrarci a Settembre con chi gestisce la comunità per offrire il nostro aiuto e la nostra collaborazione, di educare ancor di più i nostri figli alla comprensione e a non farsi spettatori ilari di certi comportamenti ma educatori a loro volta nei confronti dei compagni.
Resta da capire quale sarà la posizione degli insegnanti, speriamo di aver dato loro una spinta a mettercela tutta! 

9 commenti:

  1. Complimenti a te e a tutti i genitori. Non sarà facile, ma questo è un bel segnale. State vicino agli insegnanti che ne avranno molto bisogno. Grazie per questo bellissimo gesto e di averlo comunicato.

    RispondiElimina
  2. Complimenti acnhe da parte mia a tutti! Troppe volte sento di episodi simili e troppe volte le soluzione scelta è l'altra: quella di passare la patata bollente. Però "lui" non è una cosa e merita un futuro migliore, una possibilità. Questo gesto, fatto oggi per lui, forse, avrà un peso positivo sulle sue future scelte di vita. Ciao!

    RispondiElimina
  3. Si, sarebbe l'ennesimo gesto di abbandono. Bravi genitori e in bocca al lupo per l'anno a venire!

    RispondiElimina
  4. Bravi! A quell'eta' il menefreghismo e' alto di suo figuriamoci in questa situazione!
    E voi tutti avete dato un esempio di umanità ed accoglienza davvero forte!

    RispondiElimina
  5. questa e' una bella e generosa presa di coscienza, in effetti questi episodi fanno rinascere la fiducia nel prossimo...
    (attualmente per me ai minimi storici)
    e.

    RispondiElimina
  6. Grazie a voi per l'apprezzamento!

    RispondiElimina
  7. Complimenti davvero! In classe di mia nipote alle medie è successo qualcosa di simile. Alla fine il ragazzo (ormai quindicenne in mezzo a dodicenni) ha fatto un percorso di inserimento al lavoro. Mi ricordo però che mia sorella (rappresentante di classe) era disperata. Non sono situzioni facili.

    RispondiElimina
  8. Davvero un percorso di inserimento al lavoro senza aver completato la scuola media? Non sapevo fosse possibile.
    Sono situazioni difficilissime, anche perché ci sono veramente poche risorse per gestirle...

    RispondiElimina
  9. Complimenti per la maturità, io penso che inciderà positivamente sul ragazzo...

    RispondiElimina

Iscriviti per ricevere la risposta.