mercoledì 26 settembre 2012

Pasta madre: una storia d'amore

Quando girando per i blog leggete di gente innamorata della pasta madre, che le dà addirittura un nome, e non riesce a smettere di rinfrescarla ed utilizzarla ed inventarsi migliaia di ricette, ma non l'avete mai provata, non pensate che siano tutti pazzi, perché quando l'avrete introdotta in casa vostra vi conquisterà e non riuscirete più a farne a meno. E' contagioso.
Finora non avevo mai avuto il coraggio di provare a crearla ma, per una serie di fortunati eventi, mi sono ritrovata con una genuina pasta madre liquida (o semi liquida) di ben 26 anni che ha colonizzato la nostra cucina. E via di pane, pizze, torte, grissini...
La pasta madre, rispetto al normale lievito, fa bene al nostro intestino, è leggera e permette di risparmiare soldi e calorie. Ci vuole solo un poco di organizzazione in base ai propri orari, perché il tempo per creare le ricette (e per rinfrescarla) è veramente poco ma bisogna imparare a suddividerlo nelle nostre giornate.
La nostra pasta madre ha la consistenza di uno yogurt e, se non la si vuole utilizzare, va rinfrescata anche solo ogni 12 giorni. Se invece la si vuole utilizzare è fondamentale ricordarsi di toglierla dal frigorifero 12 ore prima della panificazione.
150 gr di Pasta Madre, 1 cucchiaino di zucchero, 150 gr di acqua, 300 gr di farina, formare una pallina, fare una croce profonda, lasciare lievitare 30 minuti coperto con una pellicola oleata (meglio cartene).
Aggiungere sale ed eventualmente olio, rimpastare, rifare la croce e lasciare lievitare 4 ore.
Stendere poi il composto nella sua teglia e lasciarlo lievitare altre 4-6 ore, sempre coperto.
Lievitazione minima 8 ore, lievitazione massima 24 ore
Farcire a piacere, riscaldare il forno. PIZZA: forno 220° mezzora,  PANE: 210° 15 minuti 180° 20 minuti o poco più, avvolgere poi il pane in un panno di cotone.

Nonostante io non sia mai stata molto fortunata con il pane (con la pizza sì, sono espertissima!) il risultato è stato buono: soffice dentro con la crosta croccante.


10 commenti:

  1. Anch'io sono innamorata della mia pasta madre! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi ricordo che la tua arriva da un grande chef di Roma!

      Elimina
  2. che bella la tua pasta madre e che bello, davvero, prendersi cura della nostra pasta madre... lei si prende tanta cura di noi regalandoci lievitazioni naturali e deliziose!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì! Oddio devo andare a fare il secondo impasto!!!!

      Elimina
  3. Ciao Alchemilla, ho un rapposrto di odio/amore con la pasta madre, perchè ho provato tante/tante volte ma non perchè dopo qualche giorno mi puzza di acido. nOn riesco a risolvere questo problema, le go provate tutte, quindi mi sento un pochino demoralizzata nei suoi confronti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero che qualcuno più esperto di me intervenga ma intanto ti faccio alcune domande così poi le sottopongo a chi mi ha dato la pasta madre. Ah! Ti scrivo sulla tua mail!

      Elimina
  4. Mi ha sempre un po'"spaventata" questa cosa dei rinfreschi, ho acquistato il lievito madre essiccato e la proprietaria del negozio mi ha spiegato che da quello si può partire per ottenere la "propria madre"... non ho ancora provato, ma l'entusiasmo di chi usa questo tipo di lievito è contagioso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lasciami sperimentare ancora un po' e poi se ce la faccio io...La vieni a prendere da me!!!

      Elimina
  5. è una vita che voglio provare la pasta madre
    e tu te ne vieni fuori che la sai fare bene!GRAZIE e dirmelo?
    non sono poi così lontano,tesoro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fatto. E adesso aspetto di assaggiare il tuo pane!

      Elimina

Iscriviti per ricevere la risposta.