giovedì 22 novembre 2012

Gli togliereste gli occhiali?

Gli strumenti compensativi e dispensativi sono per gli studenti con DSA come gli occhiali per chi ne ha bisogno. Sono come il cane per i non vedenti. Sono uno strumento fondamentale che richiederà impegno e fatica per poter essere utilizzato nel modo giusto.
Imparare a scrivere velocemente con il computer, imparare ad utilizzare la calcolatrice e a sfruttare le tabelle dei compendi o la tavola pitagorica non è immediato.
La dispensa NON è un favore.

Se un ragazzo non ha studiato non riuscirà ad ottenere un buon risultato con gli strumenti compensativi e dispensativi.

Un insegnante ha fatto un esperimento per far capire questo alla sua classe. 
Ha detto che avrebbe fatto una verifica lasciando a tutti il libro. La verifica è andata malissimo per tantissimi studenti senza dsa. Semplicemente non avevano studiato e non sapevano come utilizzare il libro.

Ma purtroppo i primi a capire questo devono essere gli insegnanti e i genitori. 

C'è molta ignoranza che significa che tutto quello che non conosco mi spaventa e quindi lo rifiuto.

GLI STRUMENTI COMPENSATIVI E DISPENSATIVI SONO COME GLI OCCHIALI PER UN IPOVEDENTE. GLIELI TOGLIERESTE DURANTE UNA VERIFICA?

2 commenti:

  1. Conosco bene il problema. I miei nipoti (figli di mia sorella) sono entrambi dislessici (il maggiore in modo piuttosto serio!) e utilizzano gli strumenti consentiti dalla legge... Alcuni genitori e anche alcuni studenti si sono lamentati per quello che considerano un privilegio e una ingiusta facilitazione... C'è tanta ignoranza ancora ed è vero: sarebbe come togliere gli occhiali ad un miope e poi costringerlo a fare un esercizio copiando la traccia alla lavagna. Ci riuscirebbe????
    Un abbraccio
    Francesca

    RispondiElimina
  2. Il figlio della mia collega e' fortemente dislessico.
    Mi racconta spesso che si trova a scontrarsi con la totale impreparazione dei docenti.
    In alcuni casi si e' trovata a dover lei stessa presentare il testo della legge ed informare i professori (caso limite) e nonostante tutti i suoi sforzi gli insegnanti "dimenticano" della difficolta' del ragazzo chiamandolo a scrivere alla lavagna, facendolo leggere ad alta voce ecc..
    Lei, e' una persona molto concreta ed obiettiva, per cui credo effettivamente a cio' che dice.
    elena

    RispondiElimina

Iscriviti per ricevere la risposta.