venerdì 16 gennaio 2015

Letture brevi di inizio anno

Melania Mazzucco una scrittrice che mi piace molto, penso che scriva sempre bene e sia sempre onesta con il lettore. La vita assassina è una pièce per la radio pubblicata nel 1996, Si tratta di dialoghi dai quali si capisce la storia e con i quali l'autrice resta attenta osservatrice senza farsi troppo trascinare dall'opinione personale.
Anche se fa dire ad un suo personaggio:

 Penso che nessun uomo abbia il diritto di essere il destino di un altro uomo.

Si parla di brigate rosse, di una donna che ha ucciso un uomo ed è in prigione da anni, esce con un permesso premio per vedere la figlia...
Non mi ricordo più dove ho letto di un bel libro sulle brigate rosse...Io negli anni di piombo ero piccolina e avevo il terrore delle brigate rosse, pensavo che i carabinieri fossero le brigate rosse perché avevano la striscia rossa sui pantaloni e piangevo quando li vedevo, finché i miei genitori non hanno capito e mi hanno spiegato. Oltre a qualche film e qualche articolo non ho mai approfondito l'argomento dalla parte delle brigate rosse, se vi viene in mente qualche bel libro da consigliarmi!


Il discorso di Henry David Thoreau "Disobbedienza civile" non l'ho scelto il relazione al precedente, mi sono limitata a togliere dalla libreria alcuni libri piccolini piccolini che attendevano da un po' di essere letti. E dopo la lunghezza degli ultimi classici, avevo proprio voglia di finire un libro in un attimo!
Si tratta di una lettura interessante da cui trarre ispirazione, soprattutto se si è giovani e ottimisti!
Dalle parole di Thoreau mi aspettavo più risposte invece ho ancora tante domande e poche soluzioni.
Non vi sarà mai uno stato realmente libero e illuminato finché lo Stato non riconoscerà l'individuo in quanto potere più elevato ed indipendente, dal quale derivino tutto il suo potere e la sua autorità, e finché esso non lo tratti di conseguenza.
Si tratta di una lettura interessante da cui trarre ispirazione, soprattutto se si è giovani e ottimisti!
Se un uomo è libero nel pensiero, nella fantasia, nell'immaginazione, cosicché ciò che non è non gli appare mai per molto tempo come ciò che è, stolti governanti o riformatori non potranno ostacolarlo fatalmente.


La mia cara Banana Yoshimoto! Mi ero presa una pausa dalla sua scrittura ma l'ho ritrovata in questo Presagio Triste che mi è piaciuto molto per quella particolarità della scrittrice giapponese di cullare il lettore con le sue parole. 
I personaggi, i luoghi e le storie di Banana Yoshimoto restano come avvolti in una nebbia o un vapore, qualcosa di irreale ma allo stesso tempo vero. Non riesco ad esprimere molto bene ma la sensazione che provo quando leggo i racconti di Banana è sempre piacevole e rilassante.

Che creatura triste, l'essere umano, pensai. Non c'è nessuno che riesca a fuggire del tutto dall'incantesimo dell’infanzia.
La reazione della protagonista, Yayoi, alle sue scoperte è di totale accoglienza e pace che dovremmo imparare molto da lei, ad accettare quello che la vita ci riserva e a regolarci di conseguenza, senza lamentarci troppo.
Però dentro di me sono anche contenta. Dopotutto la mia vita si è come raddoppiata. Non c'è nulla che sarebbe meglio non venire mai a sapere. Ne sono profondamente convinta.

Pochissime spassosissime pagine per Xingu di Edith Wharton. Trascuravo da tempo la mia adorata Edith e mi serviva questo racconto per ricordarmi le sue doti di osservatrice delle assurdità dell'alta società, della sua comicità. Questo libro fa ridere, sorridere, è cinico e ironico. Un semplice e banale episodio che dice tantissimo dei personaggi saccenti che si incontrano ogni tanto.
Per quanto mi riguarda, dal momento che vi sono così tanti libri che di debbono leggere, mi domando come si possa trovare del tempo per la letteratura di puro diletto.
Non ve lo posso raccontare ma parla di un club di Cultura composto da ricche signore che ospita  un'illustre scrittrice...
Il suo intelletto era un albergo in cui i fatti arrivavano e se andavano come pensionanti di passaggio, senza lasciare il loro indirizzo e spesso senza pagare il soggiorno.

11 commenti:

  1. Quante belle cosine stuzzicanti... corro a moltiplicarmi i tempi per leggere! ;)

    RispondiElimina
  2. Forse sei riuscita ad ispirarmi ad un nuovo acquisto 😆

    RispondiElimina
  3. Hai il potere di farmi apprezzare cose nuove :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Non sai come mi fanno felice le tue parole!
      Certo che non mi so spiegare perché abitiamo ad un passo e non ci vediamo mai...

      Elimina
  4. Forse troppi impegni ? Comunque mi incuriosisce presagio triste ... troppo triste ??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non è triste per niente! Vai tranquilla!

      Elimina
    2. Ok !! Allora domani ho la lettura assicurata, durante le gare di nuoto. Ciao ciao

      Elimina
  5. Guardò fuori dalla finestra trasognata, come se stesse riavvolgendo un bellissimo filo che le serviva per ricucire le cose del passato.

    RispondiElimina

Iscriviti per ricevere la risposta.