venerdì 11 marzo 2016

Washington è anche bella

A Washington siamo stati tre giorni e quindi abbiamo potuto visitare i musei che meritano anche perché sono tutti gratuiti e ognuno può scegliere quelli che preferisce. Naturalmente io ho scelto la National Gallery of Art, che ha una collezione ricca e completa.



Van Gogh

Monet


Un trompe d'oeil molto carino: Hanging Wall Pouch" by Cornelis Norbertus Gijsbrechts. 1677.

Anche i monumenti che ricordano i vari presidenti sono imperdibili soprattutto perché è come entrare in uno dei molti film americani che li riprendono.

Abbiamo incontrato una scolaresca che si esibiva per raccogliere un po' di soldi per la scuola.


Quando ci sono stata, 20 anni fa, non c'era ancora, logicamente,  il monumento a Martin Luther King Jr, si trova di fronte al Jefferson Memorial, dall'altra parte del lago. Un bel luogo, verde e riparato, sui muri sono riportate molte frasi importanti.


Il luogo preferito di Washington è sicuramente Georgetown, dove l'imponente Università è circondata da case colorate.











Questa casa invece non è a Georgetown, a Washington c'è molto verde, c'è un vero bosco, un parco veramente naturale, e tantissime case incantevoli.



Difficilmente vi parlo dei ristoranti in cui sono stata ma quello del National Museum of American Indian, il Mitsitam Native Foods Café, è strepitoso: ho mangiato un budino di tapioca di cui non mi dimenticherò mai...Insieme al pane fritto e ad un insalata di fagioli e amaranto.








Nessun commento:

Posta un commento

Iscriviti per ricevere la risposta.