martedì 12 gennaio 2010

La Casa nella Prateria


Questo è il primo bellissimo blog che vi propongo e che molti conosceranno già: La Casa nella Prateria, della carissima Claudia.

Ho scoperto questo blog casualmente, cercando informazioni sulla serie tv La Casa nella Prateria e da allora lo seguo con interesse, attendendo i post giorno per giorno. E grazie a lei ho conosciuto anche altre fantastiche blogger sue lettrici.

Claudia è una donna con tre figli che racconta la vita della sua famiglia da quando si è trasferita dalla città in campagna, in Francia, ed è un blog creativo, con molti spunti interessanti. Parla anche di homeschooling, pedagogia steineriana e montessoriana, giocattoli waldorf e tanto altro. Tutto corredato da splendide fotografie, fatte da lei personalmente.

Ho quindi l'onore di presentarvi l'intervista che ho fatto a Claudia in questi giorni:



PRESENTAZIONE DEL BLOG Nel tuo blog racconti molto bene come e perché é nato.
Vorresti invece spiegare cosa ti spinge a continuare con tanta dedizione ?


Innanzitutto l'amore per la scrittura. Da quando ho imparato a scrivere, ho sempre buttato giù appunti, diari, racconti, fumetti ecc. Il blog è nato per coniugare la mia voglia di scrivere con la voglia di tenere informati i nostri cari della nostra avventura qui nella prateria, che in molti consideravano una vera e propria follia.

E poi le persone meravigliose che man mano ho incontrato (virtualmente o personalmente) e che mi danno ogni giorno sostegno, incoraggiamento, motivazione.

PRESENTAZIONE DELLA BLOGGER Agli occhi di chi legge il tuo blog appari come una figura di donna quasi perfetta, quella che tutte vorremmo essere. Nel tuo blog sei positiva e cerchi di vedere solo il lato bello della vita, evitando di scrivere quando i tuoi figli ti fanno arrabbiare e tutti i vari problemi della vita quotidiana ?

Sono tutt'altro che perfetta... per certi versi sono un vero disastro! Per altre cose invece sono più portata, ed è su quelle che cerco di mettere l'accento. Dei miei problemi parlo poco per diversi motivi. Innanzitutto per non far preoccupare la mia mamma, che non legge il blog ma ha i suoi informatori.

Poi, perché, le poche volte che l'ho fatto, ci sono state persone pronte a cogliere l'occasione per usare ciò che avevano letto contro di me.

Un altro motivo è che cerco di raccontare cose interessanti, che possano essere d'ispirazione anche per gli altri. Non credo che la mia biancheria sporca o la mia crisi di nervi sarebbero di grande aiuto. Molti mi scrivono dicendo che il mio blog è "una boccata di ossigeno". Ebbene, voglio cercare di mantenerlo tale.

Dormi veramente poco ? Ma ogni tanto non crolli ?

Sì, dormo veramente poco. Non sono mai stata una gran dormigliona. Ho sempre rubato ore al sonno per dedicarmi prima allo studio, poi al lavoro o ad altre attività che mi interessavano. Con Leonardo e poi con Gloria, però, ho raggiunto livelli a dir poco allarmanti. Tra l'uno e l'altra, sono stata quattro anni senza dormire una notte filata. Quando la situazione ha iniziato a stabilizzarsi, ho pensato che fosse il momento giusto per fare un altro figlio. Devo dire che, dei tre, Chiara è la più dormigliona. A un anno, ci ha già deliziati con qualche sporadica notte completa. Il che, per noi, è una sorta di miracolo.

Ma con lei le cose sono diverse. Ormai mi sono abituata a questi ritmi che molti considererebbero disumani, e riesco a sfruttare le lunghe ore di veglia a mio vantaggio. Più che di dormire, sento il bisogno di ricaricarmi, dedicandomi ad attività che amo. A queste dedico, dopo aver messo a letto i bambini e svolto il mio lavoro, le ultimissime ore della giornata.

I MOLTEPLICI RUOLI DI UNA DONNA...Credi che esistano le supermamme che riescono a fare tutto bene oppure c'è qualcosa che inevitabilmente sarà fatto male, trascurato o continuamente rimandato? Ti sentiresti di condividere in quale ruolo metti tutta te stessa e a discapito di quale ?

Credo che esistano mamme eccezionali. Le supermamme invece sono come i supereroi: un mito irraggiungibile. Non si può fare tutto. Io cerco di dare la precedenza al mio ruolo di mamma. In secondo luogo viene, per necessità, quello di lavoratrice. Solo in terza posizione, a pari merito, quello di casalinga (pulizie, lavori domestici ecc.) e quello di "Claudia" (le cose che amo fare per il mio piacere personale: la maglia, lo yoga, ecc.). Il fatto che io metta me stessa in terza posizione non significa che mi sacrifichi o mi annulli in favore dei miei figli. Svolgere al meglio che posso il mio ruolo di mamma mi fa sentire bene, mi dà soddisfazione. Il che non mi impedisce di ritagliarmi ogni giorno un po' di tempo, fossero anche cinque minuti, per meditare, sferruzzare o per svolgere altre attività che mi aiutano a "ricaricarmi".



Riguardo a questo argomento volevo chiederti di dare a chi ti legge qualche consiglio per semplificare la vita di una donna.


Il consiglio più importante è, secondo me, quello di porsi degli obiettivi realistici e di non voler fare per forza tutto. Ricordarsi che la perfezione non esiste e che tutti hanno i loro alti e bassi.

RAPPORTO BLOG/VITA Nel tuo blog dici che non hai mai pensato alla "notorietà". Adesso che il tuo blog ma soprattutto la tua persona e la tua famiglia suscitano tanta ammirazione e stima nei lettori, come ti senti ? E' una gratificazione ? Quando inventi un'attività per i tuoi figli o crei qualcosa pensi al blog o lo fai spontaneamente ? Scrivere un blog influenza le tue scelte ?

Certo, essere per altri una fonte di ispirazione è gratificante. Ma quando gioco con i miei figli o creo qualcosa non lo faccio pensando al blog. Se questo dovesse accadere, credo che mi prenderei una pausa. Vorrebbe dire che il blog sta prendendo troppo spazio nella nostra vita. Scrivere un blog non influenza le mie scelte, a parte il fatto che mi impongo un minimo di regolarità nel postare, e quindi mi ritaglio del tempo apposta.


MIGLIORARE IL MONDO. Secondo il tuo parere per migliorare il mondo in cui viviamo è più utile essere al corrente di tutto ciò che accade oppure agire nel quotidiano, con chi ci circonda, con i nostri figli e con il nostro modo di vivere e soprattutto consumare ?

Pensi, come penso io, che il tuo blog sia un piccolo ma grande contributo per cambiare in meglio il mondo ?



Per migliorare il mondo sono necessarie entrambe le cose. Io sono in una fase in cui la mia attenzione è rivolta prevalentemente verso l'interno: della mia casa, della mia famiglia, di me stessa. Sono convinta che lavorare su se stessi e educare nel miglior modo possibile quelli che saranno gli adulti di domani, sia il primo passo verso un mondo migliore. Io ho ancora un sacco di cose da gestire e da risolvere "in casa", prima di lanciarmi alla conquista di quel che c'è là fuori. Fortunatamente, però, non sono tutti come me. All'indomani del terremoto in abruzzo ho ricevuto una mail di una mamma che mi raccontava quanto fosse importante per lei il suo lavoro, nonostante i figli piccoli che lasciava a casa. Quella mamma fa la geologa per la protezione civile, e a lei va tutta la mia ammirazione, così come a tutte quelle mamme che lavorano e si danno da fare non solo per se stesse e per la loro famiglia, ma per il bene della collettività. In questo senso, il mio blog è un ben misero contributo, ma è il massimo che che riesco a fare per il momento.

Guardi spesso il TG ?

Sì, io lo guardo, ma solo quando i bambini sono a letto. Non credo che le notizie di cronaca siano adatte alla loro giovane età.

Ringrazio tanto Claudia per questa splendida intervista e se, come immagino, non siete già corsi a visitare il suo blog vi invito a farlo!

5 commenti:

  1. Claudia è fantastica!!!
    Francesca

    RispondiElimina
  2. L'intervista è molto bella per tutti, per conoscere qualcosa di prezioso, ma anche per chi già conosce il blog... per saperne di più. Mi permetto di fare un appunto solo su un argomento, quello del Tg: è vero che i Tg non sono pensati per i bambini ma è importante abituare i nostri figli a interessarsi del mondo... ci sono altri modi, per esmpio la visione ogni tanto di questo sito: http://www.bambini-news.it/
    Che ne dite?

    RispondiElimina
  3. Bellissima intervista! Mi è piaciuto molto leggere alcune cose che ancora non conoscevo a fondo di uno dei miei blog preferiti... Benvenuta tra noi!

    RispondiElimina
  4. Ciao, io capito qui da La casa nella prateria. Anche io come te ho scoperto questo blog per caso, un po da inesperta del web, un po cercando notizie sulle bambole waldorf.
    Trovo Claudia una persona fantastica, ogni giorno aspetto i suoi post che mi riempiono di gioia ma, a volte, anche di malinconia. Anche io vorrei riuscire a coinvolgere mia figlia come fà lei con i suoi ma non ci riesco.
    Navigando sul web ho conosciuto il mondo di voi mamme blogger e devo dire che mi piace molto.
    Faccio i complimenti anche a tè per il tuo blog e ti auguro in bocca al lupo.

    RispondiElimina
  5. Grazie ragazze!
    Cara Sara se posso darti un consiglio non mollare.
    Anche coinvolgere una mia figlia non è facile, magari non insisto ma faccio in modo che tutto sia divertente così lei piano piano si lascia prendere e quando arriva le lascio fare un po' come vuole, senza insistere troppo. Alla fine è la più felice e l'ultima ad alzarsi.


    @ Cara Palmy, ho letto il tuo messaggio ma ho bisogno di tempo per darti una risposta. E' un argomento particolare per me. Quindi a presto!

    RispondiElimina

Iscriviti per ricevere la risposta.