venerdì 26 novembre 2010

Il costo dei libri

Il libro "Se la casa è vuota" di Isabella Bossi Fedrigotti che, come è chiaro, ho letto volentieri l'ho preso in biblioteca. Se l'avessi comprato avrei pagato 15 euro per 136 pagine di lettura.
Vale veramente la pena leggerlo ma mi sembra un prezzo veramente eccessivo per un libro così breve che quindi ha anche costi inferiori.
Forse il valore di un libro non si giudica dal numero di pagine ma il costo dovrebbe tenerne conto.
In generale credo che i libri abbiano costi veramente elevati a cui non riesco a trovare una giustificazione.
Certo se si fa un preventivo sui siti in cui i libri si stampano da sé, questi sono i costi da pagare. Ma non credo proprio che l'editore di questo come di tutti gli altri libri in circolazione paghi un prezzo altrettanto elevato di stampa.
Insomma mi sembra tanto strano che un kg di farina costi meno di un euro e per un libro ce ne vogliano quindici...

19 commenti:

  1. Guarda, proprio di questo parlavo con qualcuno nei giorni scorsi in seguito al mio post sul decluttering: io ormai, e l'ho dichiarato da tempo, non compro quasi più nessun libro.
    Ho sempre trovato che i libri costino una fortuna, e non ho dati certi ma credo agli autori ne vada una minimissima parte. Il resto va in editore, distributori, librerie.
    Quando non ero ancora stata presa dal demone di internet leggevo come una dannata, far fuori 4/5 libri a settimana era uno scherzo.
    400 euro al mese, tanta roba per un vizio :)
    La biblioteca del mio comune, oltre ad essere un bellissimo luogo con spazi appositi per i bimbi, per lo studio, le riviste ed i pc, mi offre un'incredibile scelta. Se un titolo non è nel loro catalogo, me lo procurano grazie al prestito interbibliotecario, o addirittura a richiesta lo acquistano.
    Debbo dire che all'inizio mi è pesato il non possesso del libro, ma anche questo si supera: quando mi imbatto in una lettura che mi colpisce davvero tanto, dopo averlo restituito me lo compro!

    RispondiElimina
  2. Sinceramente io prima di comprare un libro preferisco prenderlo in biblioteca. Se poi me ne innamoro sul serio allora lo compro: un risparmio non indifferente!!!

    RispondiElimina
  3. Sei fortunata Flautista, ci sei arrivata anni prima di me!

    RispondiElimina
  4. E' vero... anche io per i libri spendo una fortuna ed è stupido. La biblioteca di Udine è fornitissima e ti procurano anche i libri che eventualmente non hanno. Dovrei cominciare a frequentarla più spesso.
    L'ultimo libro che ho letto (la fine del mondo storto di Corona - 160 pagine 18 Euro) mi ha convinta che devo proprio fare così. Oltre tutto il libro non mi è nemmeno piaciuto un gran che!!! 18 Euro sprecate. Se l'avessi preso in Biblioteca non sarei così amareggiata per quei soldi buttati via!!!
    Ho su Anobii una lista dei desideri talmente lunga che se dovessi comprarli tutti dovrei chiedere un mutuo... posso averli gratis!!! EVVIVA LE BIBLIOTECHE!!!
    Un bacio
    Francesca

    RispondiElimina
  5. Anch'io prima compravo libri a quintali. Da quando abbiamo comprato casa, con grande dispiacere iniziale, non compro più i libri anche perché a volte sono delle grandi cag... Da allora frequento con grande soddisfazione la biblioteca del mio paese. Compro solo quei libri che voglio avere in casa e che mi piace rileggere e sottolineare.
    Mi piacerebbe regalare un libro all'anno alla biblioteca per ringraziare di questo servizio pubblico.

    RispondiElimina
  6. Ma sai che è una bella idea?
    Accetteranno le donazioni vero?

    RispondiElimina
  7. Anch'io da accanita lettrice, considero troppo caro il costo dei libri,a casa ne ho ovunque ,accumulati negli anni, ma da un po attingo per le mie letture alla Biblioteca Comunale, che è ben servita e nel caso non ci sia il libro richiesto, chiede alle sedi degli altri comuni ,e ho ridotto di un bel po gli acquisti. Rispondo alla domanda riguardo le "donazioni" alle Biblioteche, si le accettano, l'ho fatto anch'io.
    Fantastico !!! Ciaoooo Ragazze

    RispondiElimina
  8. Ho ancora la malattia del possesso quindi in biblioteca prendo a prestito solo libri per consultazione. Compro libri nuovi solo se mi colpiscono o se non riesco a trovarli in altro modo. E di altri modi ce n'è: ho trovato moltissimi libri nei mercatini dell'usato soprattutto i classici che mi piace tenere anche per i miei figli, Bookmooch (dove tra l'altro mi sono liberata di libri che non mi interessavano), offerte Reminder su negozi online (io acquisto su BOL) dove gli sconti sono del 50-60%. Certo non si trovano i libri appena usciti ma se si ha la pazienza di aspettare prima o poi arrivano.
    Nel frattempo leggo quelli che ho già in casa!

    RispondiElimina
  9. Ciao Alchemilla, è vero che agli autori va una minimissima parte, e questa è una cosa bruttissima, perchè se il libro è bello e piace è per merito dell'autore prima di tutto, POI della pubblicità che lo spinge.
    Detto questo ti dico che uno dei dispiaceri più grossi, quando persi il lavoro era proprio questo (dopo i viaggi...) non poter più acquistare un libro.Ma ho egregiamente ovviato a questo problema (che serve anche a non intasare casa...ho dovuto dar via un sacco di libri durante i miei traslochi...)in vari modi:
    All'inizio compravo edizioni economiche che ogni tanto uscivano, poi sono passata ai negozi dell'usato e biblioteche (se proprio il libro mi piaceva da tenere lo compravo..), ed il baratto. Insomma sul comodino c'è sempre una bella pila di libri :)

    RispondiElimina
  10. Ah, dimenticavo: il baratto in cui devo spedire cose in cambio, in genere è a mio svantaggio, per via del peso, infatti devo valutare bene che non ci rimetta, comunque spendo meno che se comprassi un libro.
    Inoltre ai compleanno ho preso a fare la lista dei desideri (tipo lista di nozze!!) e uno dei più graditi è un buono in libreria...:)

    RispondiElimina
  11. Hai fatto bene. Fossi veloce come te a leggere lo farei anch'io. Per il momento mi limito al prestito tra parenti e amici.
    E poi è bello che i libri circolino.

    RispondiElimina
  12. Leggo moltissimo, passando parecchie ore al giorno sui mezzi pubblici o ad aspettarli, ne ricevo molti da parenti e amici, rigorosamente usati, ma ne acquisto molti.
    Anzi, no, voglio scrivere ne acquistavo molti, perché settimana scorsa sono andata nella libreria dove vado abitualmente e mi sono resa conto di due cose spiacevoli : la prima é che qui in Svizzera sui prezzi di copertina ci aggiungono un cambio molto sfavorevole (un libro con la copertina rigida non meno di 25 euro!!!) e la seconda é che sullo scontrino di cassa c'era segnato quanto ho speso in libri quest'anno (tessera fedeltà); cavolo ! ci sarebbe stata una bella vacanza per me e la mia famiglia ...
    Dopo aver letto queto post ho deciso di darmi delle regole :
    1. comperare massimo un libro al mese
    2. sfruttarre di più i prestiti di parenti e amici
    3. passare nella biblioteca della città ed iscrivermi
    4. stilare una lista dei libri che mi piacerebbe leggere
    5. far passare oltre le montagne di libri che ho a casa, infatti parecchi non li rileggerò più e altre persone ne potranno godere!
    Grazie mille per questo post, anche questo vuol dire ridurre i consumi ! Buona settimana Leyla

    RispondiElimina
  13. Grazie per la discussione. Penso che proverò a donare qualche libro alla biblioteca in vena di decluttering (faccina con occhio schiacciato ad Annarita e DaniVS).

    Penso che Leyla abbia analizzato perfettamente il problema e credo che seguirò le sue stesse regole.

    @Lory ti assicuro che la biblioteca dà molte soddisfazioni puoi prendere centinaia di libri e valutare di acquistare solo quelli per cui vale veramente la pena.
    Se entri in casa mia in questo momento ti spaventi: ci sono libri da tutte le parti. Così ho potuto valutare anche i libri da regalare a Natale (tra cui ce ne sono alcuni anche per me...).

    RispondiElimina
  14. Strana l'Italia...La mia biblioteca non accetta le donazioni.
    Hanno un tot da spendere in un anno che basta e avanza e hanno preso l'impegno di spenderlo tutto.
    Libri donati creano problemi al sistema informatico ma soprattutto agli operatori che inseriscono i dati e inoltre ci sono problemi di spazio...

    Devo commentare?

    RispondiElimina
  15. Ma dai ... non ho parole !!!! Che cosa strana, allora puoi sentire qualche associazione culturale , oppure qualche anno fa quando abitavo a Bologna con l'associazione di volontariato di cui faccio parte abbiamo iniziato un progetto di Biblioteca per i pazienti dell'Ospedale Maggiore, sarebbe bello trovare qualcosa di simile.
    Ciao

    RispondiElimina
  16. Milla hai visto qui:
    http://www.bambiniabergamo.it/fiere/756-vendita-di-libri-a-curnasco

    una radiosa bianca giornata
    StefiB

    RispondiElimina
  17. Grazie per l'informazione.
    E' una bella iniziativa ma non so se sono ancora pronta a liberarmi dei miei libri......lo so...
    Però una volta l'ho fatto. Ero molto appassionata di erbe e medicina alternativa e avevo molti libri ma l'argomento non mi interessava più così tanto.
    Sapevo che un gruppo di amiche li avrebbe apprezzati.
    Un giorno mi sono presentata con una scatola: erano felicissime, insistevano addirittura per pagarli e non smettevano più di ringraziare. E' stato bello!

    RispondiElimina
  18. Qui vicino a casa c'è un centro culturale che accetta donazioni di libri. Inoltre si possono prendere a propria volta libri, gratuitamente, senza obbligo di restituzione. In questo modo i libri circolano, tutti possono leggere senza spendere e si trova un po' di tutto. Certo, non si troveranno le ultime pubblicazioni, ma spulciando spulciando, qualcosa di interessante si trova sempre. I modi per leggere senza spendere dei capitali si trovano sempre!!!!
    Baci
    Francesca

    RispondiElimina
  19. è bello regalare i libri che hai letto,è come regalare qual cosa di te

    RispondiElimina

Iscriviti per ricevere la risposta.