mercoledì 24 novembre 2010

Se la casa è vuota

Ho appena terminato questo libro, l'ho letto in poche ore, sono solo 130 pagine, ma sono poche pagine che vale la pena di leggere perché sono coraggiose e un po' controcorrente.

Si tende a dire che i figli non sono traumatizzati dalla separazione dei genitori e dalla loro assenza perché assorbiti dalle loro carriere, invece questo libro riporta un altro punto di vista.

Ma anche i genitori presenti in casa possono essere assenti.

E a volte non si accorgono che i figli non sono tutti uguali ed ognuno ha bisogno di un suo modo educativo, e a volte non si accorgono che i figli cambiano, crescono e le attenzioni e le presenze necessiterebbero altrettanto di un cambiamento.

Mi ha stupito questo libro: me lo aspettavo zeppo di violenza e sesso, come si usa ormai per vendere, temevo questo registro ma ho voluto provarci perché avevo fiducia nella scrittrice, Isabella Bossi Fedrigotti.
Invece è ancora più agghiacciante perché qui c'è il quotidiano, le famiglie cosiddette normali, spesso benestanti: ci siamo noi, i nostri amici, i nostri vicini di casa.

La solitudine dei nostri figli:

come Lorenzo che ci infastidisce perché impegnativo e rumoroso e quindi lo spegniamo;

come Annalisa che critichiamo perché non è come la vorremmo, e la costringiamo a trasformarsi;

come Francesco (forse il racconto che mi ha toccato più profondamente) così perfetto, simpatico, dolce e premuroso, viene spento, annientato, distrutto senza il coraggio di eliminare la causa della sua alienazione;

come Paolina, troppo sensibile, troppo buona, troppo premurosa per dare fastidio ai genitori, troppo sola nella sua perfezione dalla quale si costringe ad uscire in modo drammatico;

come Carlo che prima perché è troppo piccolo, poi perché non c'è più tempo, poi perché la situazione è cambiata e per lui non c'è mai spazio;

come Pietro che è di troppo, perché vogliamo rifarci una vita.

Consiglio vivamente questo libro a tutti coloro che si sentono sicuri delle loro scelte, che si sentono giustificati, che si sentono sempre e comunque nel giusto. E siccome nessuno si ritroverà in questa descrizione, consiglio il libro proprio a tutti.

6 commenti:

  1. Se lo trovo in libreria lo comprerò oggi stesso...
    Un abbraccio affettuoso

    RispondiElimina
  2. Mi piacerebbe leggerlo, ho solo paura che poi mi aumentino i sensi di colpa che già ho. Quanto vorrei passare più tempo con la mia bimba...

    RispondiElimina
  3. Denise i sensi di colpa no. Se senti il desiderio di stare di più con tua figlia inventati delle occasioni per farlo ma lascia perdere i sensi di colpa. Se sei consapevole del perché sei costretta a non vederla quanto vorresti, devi solo farle sentire quanto la ami e che vuoi stare con lei e che fai di tutto per stare con lei. Lei respira questo. Prova a leggerlo, forse ti diminuiscono i sensi di colpa!

    RispondiElimina
  4. mi hai convinta.... lo cercherò in libreria... sto per finire di leggere "le luci delle case degli altri" e avevo bisogno di suggerimenti per il prossimo

    RispondiElimina
  5. Non mi sento tanto sicura delle mie scelte, non sempre mi sento nel giusto e neanche ritrovo i miei figli ribelli nelle descrizioni che hai fatto. Che dici? Lo dovrei leggere comunque questo libro?

    RispondiElimina
  6. @MARIABEI, prendilo in biblioteca, risparmi!

    @BUSSOLA, mi farai poi sapere se lo leggi.

    @ARTEMISIA, dipende da quello che cerchi in un libro come questo.

    RispondiElimina

Iscriviti per ricevere la risposta.