giovedì 20 gennaio 2011

Perché (non) risparmiare l'acqua

L'acqua è il bene più prezioso che abbiamo.
Visto che adesso molte persone hanno capito di poter bere acqua dal rubinetto, qualcuno ha deciso di intervenire anche lì...
Ma non ci scoraggiamo e non apriamo nemmeno questa parentesi.
Iniziano subito a bere acqua del rubinetto.
Non dovete fidarvi senza conoscere. Andate al vostro Comune di Residenza (o alla società che gestisce l'acqua) e chiedete un test aggiornato sulla qualità dell'acqua.
Se ancora non vi fidate (oppure se i dati non sono aggiornati, o peggio se non vi vengono forniti) provvedete ad un semplice test fai da te, ne esistono di semplici ed economici.
Alla fiera Fa' la Cosa Giusta avevo visto Immediatest che è in vendita online e costa 14,90 €. Comunque se controllate sulle etichette delle bottiglie di plastica, potrete notare che i test sono datati anche di quattro anni. Mentre il vostro Comune effettua test almeno annuali.


Adesso acquistate alcune bottiglie di vetro con tappo richiudibile. L'ideale è riempire le brocche alcune ore prima di berle per lasciare depositare i residui (soprattutto di cloro), se volete acqua fresca potete mettere la bottiglia in frigorifero.
Potreste cercare qualcosa di etnico ed equo solidale (Altromercato), oppure qualcosa di semplice ed economico, ma anche qualcosa di artigianale e locale.
Vi consiglio due siti in cui, con MOLTA pazienza, potete trovare prodotti artigianali, anche italiani:
http://en.dawanda.com/
http://www.etsy.com/
Preparatevi ad una splendida esperienza: non avere l'onere e la fatica di comprare quantità enormi di pesanti bottiglie di plastica, non doverle schiacciare e buttare nella raccolta differenziata a kg.




Siete abituati a portarvi la bottiglietta d'acqua dappertutto ? Ecco una comoda, simpatica ed efficace soluzione, di qualità: le borracce molto adatte anche per sportivi e per i bambini a scuola.
Non cedete all'acquisto delle bottigliette di plastica. Lo sai che puoi scegliere. Queste borracce sono leggere, ecologiche e durature e se ne trovano anche di economiche, hanno anche il "beccuccio" per non far versare l'acqua nello zaino di scuola.


Siete abituati a bere acqua gasata ? Anche per questo c'è una soluzione abbastanza ecologica ed economica: un gasatore. Cerca comunque di non abusarne.
Puoi risparmiare meno che bevendo acqua naturale ma sempre meglio che le bottiglie di plastica.
Un gasatore medio costa tra i 60 e i 100 euro. La ricarica di gas costo intorno ai 12 euro. Si dovrebbero gasare 100 litri di acqua, dipende dalla quantità di gas utilizzata.
Oppure potresti osare con un gasatore con bottiglia di vetro...Un po' esagerato ma se dura nel tempo non sono di certo soldi buttati, il costo è di circa 250 euro.




Il nostro investimento è così composto:
Borracce per tutta la famiglia     60€
Gasatore                                        60 €
n. 4 bottiglie vetro                        30 €
Con una spesa di 150 € abbiamo risolto molti problemi.
Calcoliamo ora il costo dell'acqua del rubinetto. Supponendo che l'acqua costi tantissimo, cioè 2 € al mc come nei Comuni dove è più cara, sono sempre pochi centesimi al litro.
Se bevessimo 5 litri X 365 giorni =1825 litri X 0,0002 (costo al litro) =3,65...euro all'anno!!!
(calcoli effettuati su una famiglia di quattro persone).


Abbiamo risolto il problema acqua? Credo proprio di sì.


Calcoliamo quanto abbiamo contato. 
Il prezzo medio di un'acqua minerale in bottiglia di plastica è di 0,20 al lt. Ci costa quindi 1 euro al giorno. Calcoliamo il risparmio del tempo, della fatica...
Abbiamo limitato l'inquinamento e non finanziamo più le multinazionali che si sono appropriate di un bene comune vendendolo a peso d'oro.
Se normalmente una famiglia spendeva intorno ai 350 euro, adesso ne spenderà 3,65. Ed è una bella differenza...L'investimento iniziale viene ammortizzato immediatamente il primo anno!!!


Volete leggere qualcosa per approfondire l'argomento. Ecco qui.


C'è ancora qualcosa da fare se vuoi essere ancora più importante.
Risparmiare un po' di acqua. Se vivi in un paese con una buona riserva idrica non esagerare, fatti pure una bella doccia. Se invece c'è qualche problemino di siccità o se sei in un paese un po' più difficile in questo senso cerca di darti una regolata.
Ecco qui le regoline base.
Potresti anche fare un altro piccolissimo investimento...I filtrini frangigetto. Hanno un costo minimo, due euro l'uno.

Ok. Sei pronto a farti i conti in tasca ?
Quest'anno hai risparmiato SOLO 150 euro...Ma dal prossimo anno ne risparmierai...350!
Cosa ne dici? Potresti risparmiarli per il futuro e in 30 anni avresti ben....10.000, oppure potresti regalarti qualche uscita con la famiglia, che fa sempre bene.
Però a noi questi 350 euro di risparmio servono per...NON risparmiare con le prossime puntate (anche se sono certa che la maggior parte di voi beve già l'acqua del rubinetto!)

15 commenti:

  1. Puoi anche risparmiare sullo scarico del wc, semplicemente introducendo un sasso nel cosino, che non so come si chiama, che regola tutto il meccanismo. E poi non vedo perchè non ti debbano voler dare le analisi dell'acqua all'acquedotto. Per esempio nella Carta della qualità del servizio idrico dell'acquedotto lucano c'è scritto proprio che su richiesta si forniscono ed effettivamente lo fanno. Controllate, sarebbe un ulteriore risparmio.

    RispondiElimina
  2. Interessante articolo, poi con "dati alla mano" si capisce quanti soldi stiamo sprecando e quanta fatica stiamo facendo.
    Grazie Alchemilla

    RispondiElimina
  3. Sai che dai noi in Scozia tutti i bambini in eta' scolare ricevono gratis una borraccia da riempire e usare durante le lezioni, in maniera da incoraggiarli a bere?

    RispondiElimina
  4. Complimenti ottimo lavoro questo tuo post...e un brindisi ovviamente con acqua fresca! ciao

    RispondiElimina
  5. Io bevo "l'acqua del sindaco" da più di due anni!! E con il gasatore ho l'acqua gasata e anche le bibite!! Non avevo pensato alla borraccia per portare l'acqua in giro... Bella idea! In casa nuova però l'acqua ha un sapore diverso... meglio chiedere le analisi...

    RispondiElimina
  6. vado fuori dall'argomento. è da molto vhe non venivo a leggerti (ma ultimamente ci sono poco in rete e commento poco un pò tutti) ma il tuo blog è diventato meraviglioso. brava. verrò a leggere con calma tutti i post che mi sono persa. e ora vado a bere un bel bicchiere d'acqua del rubinetto.

    RispondiElimina
  7. io ci ho provato l'anno scorso ho comparto le mie belle bottiglie di vetro ma mio marito ha detto che mai e poi mai avrebbe bevuto quell'acqua! ho provata quella nelle borracce filtranti ma ho avuto lo stesso risultato :-( avevo pensato al gasatore ma ho poco spazio in casa e poi l'acqua leggermente frizzante come piace a mio marito è naturale mentre quella fatta col gasatore è chimica quindi "penso" che faccia più male o mi sbaglio?

    RispondiElimina
  8. Brava! Bisogna incentivare il più possibile l'utilizzo dell'acqua del rubinetto. Se proprio non si può bisognerebbe consumare acqua delle fonti vicino a casa propria. Da noi in molti comuni hanno messo anche il distributore dell'acqua vicino a quello del latte!

    RispondiElimina
  9. Ciao!
    @Fantastica l'iniziativa della Scozia e ottima l'idea del wc.
    @Grazie Symplimamma che complimento!
    @supermamma...non so che dire...se l'acqua fa veramente schifo...

    RispondiElimina
  10. Bevo l'acqua del rubinetto da tempo immemore... Ho poi acquistato una brocca-filtro per togliere anche eventuali residui di sostanze chimiche o tossiche che possono essere presenti (pesticidi, erbicidi o altro che possono entrare nelle falde acquifere). E' la cosa migliore!
    Basta cpmprare acqua in bottiglie di plastica: costano tanto, inquinano e poi... che fatica!!!
    Un bacio
    Francesca

    RispondiElimina
  11. Anche noi beviamo l'acqua del rubinetto. Usiamo però una brocca Laica per i residui. Per alcuni mesi, dopo il matrimonio, andavamo a prendere l'acqua da una fonte, ma poi abbiamo provato e ci siamo abituati.
    Da noi la raccolta differenziata per la plastica passa ogni 15 giorni, ma noi siamo da tre mesi non portiamo fuori la busta. I nostri vicini ogni volta hanno sacconi e sacconi. Che la producano loro?

    RispondiElimina
  12. Infatti anch'io bevo acqua di rubinetto da una vita. Tra l'altro, non mi piace il frizzante quindi per me non è assolutamente un problema, anzi! Il marito G, però, ogni tanto ha voglia di bollicine e nella nostra mini-cucina non c'è proprio spazio per un gasatore, quindi abbiamo trovato una soluzione alternativa (e molto "vintage"^^): bustine di cristallina! Un po' di polverina nella bottiglia di vetro ed ecco l'acqua frizzante :)
    Il nostro appartamento è piccolo, quindi evitare le confezioni di bottiglie di plastica è un priorità non solo per la questione rifiuti, ma anche per quella dello spazio che occuperebbero!

    RispondiElimina
  13. Post interessantissimo. L'acqua è un bene prezioso...più dei diamanti. Adam Smith insegna.

    RispondiElimina
  14. Ahhh! Noi andavamo matte da bambine per le bustine di cristallina...e non ce le prendevano mai!

    RispondiElimina
  15. http://ioricreo.altervista.org/2011/01/bottiglia-filtro/
    Non so se vi può interessare, ciao ciao!

    RispondiElimina

Iscriviti per ricevere la risposta.