venerdì 14 gennaio 2011

Vuoi contare?

Non avere fretta.
Siamo qui per fare un lungo viaggio, a tratti impegnativo, ma sicuramente stimolante e di grande soddisfazione.
Siamo una macchia d'olio.
Il sentimento di speranza e positività, di azione concreta nel quotidiano, si allargherà prima alla tua famiglia, poi alle persone che incontri, infine al mondo intero.
Perché noi contiamo. Sì, tu conti.

Tu puoi contare. Vuoi contare, vero?

Finora ti hanno spinto a pensare di non avere potere, di non poter incidere sull'andamento del mondo, dell'economia, sulle scelte dei capi di Stato.
Finora ti hanno convinto a sentirti inutile, a percorrere una strada predefinita.
Adesso tu vuoi scendere dal treno, vuoi fermarti alla stazione o prendere un'altra linea.
Tu puoi scendere, puoi decidere di non continuare su quella strada.
Insieme andremo lontano. CONTACI

Questo post (scritto un po' di tempo fa ma mai pubblicato:ero molto carica...) rilancia la mia campagna "Perché non risparmiare".

Il primo argomento è stato il SALE. Il prossimo sarà l'acqua.

1 commento:

  1. Mi fai venire in mente il Mahatma e la sua guerra del sale.
    Spero ti sentirai onorata! :)

    RispondiElimina

Iscriviti per ricevere la risposta.