mercoledì 6 aprile 2011

Dolci passeggiate primaverili


Il mio amore per l'acqua è risaputo, del resto sono del segno dei pesci, siccome il mare è purtroppo sempre troppo lontano a volte mi consolo con i laghi.


Mi capita di scappare per una fuga di poche ore nella magia del Lago di Endine, un piccolo lago di 2 km quadrati, con un perimetro di 14 km di cui una parte percorribili a piedi, per una piacevole passeggiata.
Per raggiungerlo mi bastano 20 km, una mezz'oretta d'auto, passata all'andata con Norah Jones e al ritorno con Miles Davis.


Mi stupisce sempre per il clima e per la varietà della flora che lo circonda. Anche le verdure degli orti crescono rigogliose e saporite! Guardate la differenza con le foto pubblicate lo scorso anno a Giugno.


 I salici piangenti all'inizio della loro rigogliosa crescita, riflessi nel lago. Mi diverto molto a giocare e ammirare i riflessi di questo lago.


Questo sentiero rappresenta l'augurio che voglio fare a me stessa e a tutte voi, di percorrere con calma e contemplazione le strade della vostra vita!

12 commenti:

  1. Che meraviglia!! grazie per queste bellissimi immagini!

    RispondiElimina
  2. Grazie per l'augurio, ne farò tesoro!
    E il posto è stupendo!

    RispondiElimina
  3. Che luogo meraviglio! Trapassa l'anima con la sua quiete! Sei davvero brava nelle fotografie!

    RispondiElimina
  4. Grazie del pensiero! Che belle sensazioni di tranquillità!

    RispondiElimina
  5. ci si rigenera :-) in posti cosi belli

    RispondiElimina
  6. Invidio, anche se non so se è la parola giusta, quelle persone che vivono in ambienti così belli, cos' naturali, così puliti...il rispetto per l'ambiente in cui viviamo, purtroppo non è cosa sentita da tutti...peccato, perchè appartiene ad ognuno di noi!
    Come si fa a non capire una cosa tanto semplice?

    RispondiElimina
  7. Sono felice che le foto vi siano piaciuto. Mi sono ripromessa di ritornarci ogni mese per vedere i cambiamenti della natura.

    Purtroppo, FastiFloreali, non è tutto oro quello che luccica. Questo lago non è molto pulito...Comunque concordo con quello che scrivi. Ci sono posti magnifici che andrebbero conservati e posti meno belli che andrebbero valorizzati e puliti.

    RispondiElimina
  8. Quando abitavo a Bergamo andavo anche io sul lago di Endine in estate. Un posto davvero piacevole!!!
    Un bacio
    Francesca

    RispondiElimina
  9. quello che tu dici è vero, non è tutto oro quello che luccica, ma qui da me credo che abbiano un pò esagerato! La questione è ben lontana dal finire sotto i riflettori ma la storia del fiume Sacco stà finelmente emergendo dopo anni di silenzi. Questo fiume è stato ed è ancora, ricettacolo di sostanze cancerogene, tra cui il pericolosissimo, esabetacloro..etc..esano; le autorità locali, soltanto ora si stanno muovendo ma ormai il danno è stato perpetrato da dura dagli anni 70; ovviamente le falde acquifere, sicuramente sono state inquinate( di qui potrei collegarmi al post sull'acqua); è chiaro che così si è costretti a dipendere dall'acqua in bottiglia di cui sappiamo poco. Allargando il discorso però, in questa zona la Ciociaria, terra di Papi e di Balie, non viè e non vi è mai stata una sincronia ed un rispetto per ciò che ci circonda, ma sotto qualsiasi aspetto; solo le persone un pò più sensibili e non solo delle nuove generazioni, si ostinano a far qualcosa ma, ti assicuro con mille difficoltà.
    Andare in bicicletta? ma c'è la macchina! Raccolta differenziata? a che serve! Confezioni riciclabili? perchè! Il mercatino dell'usato? Giammai! Lo scambio dei libri? Noooooo! potrei continuare.....
    Lo so, sono un pò pessimista; nel frattempo gioisco alla riuscita delle mie semine e spero di posizionare un cestino nuovissimo sulla mia bicicletta!!!
    Ciao fr

    RispondiElimina
  10. Che brutta situazione!
    Sono felice però che continui a perseverare nonostante chi ti sta intorno!

    RispondiElimina
  11. Bellissime foto, mi hai fatto venire voglia di venire a fare un giro da quelle parti :)
    Tra l'altro anch'io ho la curiosità di scegliere un itinerario e ripercorrerlo a intervalli regolari, per vedere come cambia in relazione alle stagioni... ci pensavo proprio qualche giorno fa (quando sono andata a raccogliere il tarassaco!) :)

    RispondiElimina

Iscriviti per ricevere la risposta.