sabato 12 novembre 2011

6 commenti:

  1. :-D

    Fermo restando che non so se B. si dimette davvero, ho sempre pensato al giorno in cui non sarebbe più stato Presidente del Consiglio come ad un momento di gioia sfrenata. E invece oggi sono tristissima per la situazione drammatica in cui si trova l'Italia.

    Ma se se ne va, forse appendo anche io la nostra bandiera.

    RispondiElimina
  2. E' vero, anche io ho esitato ma poi mi sono detta che la cosa di cui abbiamo più bisogno è un po' di fiducia. Non credo che il governo tecnico farà miracoli, anzi temo che aggiungerà danni ai danni, però...che altro si può fare?

    RispondiElimina
  3. anch'io ho sempre pensato che arrivato quel momento avrei fatto qualcosa di folle...avevo 19 anni il giorno in cui quest'uomo è salito al potere per la prima volta e adesso ho tre figlie!!!MI ricordo che incontrai il mio prof di filosofia e ci abbracciammo affranti sulle scale del liceo(era un po' strano il mio prof)il giorno dopo la vittoria del '94.Ed eccoci qui, dopo quasi vent'anni e davvero non c'è niente da festeggiare...tranne che finalmente ci siamo liberati di lui!Quanto al tempo che impiegheremo per liberarci degli effetti nefasti che la sua azione ha prodotto nella società italiana, e non parlo di economia,questo è un'altro paio di maniche.Ma non voglio rovinarmi un momento che ho atteso per anni.Ci penserò domani.Buon fine settimana a tutti, soprattutto alle ragazze, dicono le mie figlie, e mi aggiungo anch'io.

    RispondiElimina
  4. Comunque sia bisogna festeggiare! Diamine! E' un attimo, come l'11.11.11. Ce lo meritiamo!

    RispondiElimina
  5. Certo, festeggiamo! la nostra creatvitiá (di cui nel futuro ci sará sempre piú bisogno...) ha bisogno di una spinta di energia positiva :))

    RispondiElimina

Iscriviti per ricevere la risposta.