martedì 6 dicembre 2011

DENTRO A UN TUNNEL

Se ho problemi economici la prima cosa che faccio è limitare gli sprechi, le spese inutili e superflue, taglio tutto e poi se proprio non ce la faccio inizio a chiedere sacrifici agli altri...
Però io non sono un professore.
Soltanto che ad aumentare l'iva e l'età pensionabile ci erano arrivati anche quelli di prima...

Cosa possiamo fare noi?
Confesso che non lo so e tutte le idee che mi vengono in mente sono limitate.
Possiamo vivere benissimo anche in uno Stato come il nostro e, vi confesso, che io non riesco a immaginare di poter vivere in uno Stato diverso dall'Italia perché a me, l'ho detto mille volte, l'Italia piace proprio tanto.
Possiamo stare bene anche indipendentemente da chi ci governa, ci accontentiamo dell'amore, dell'amicizia, della cultura (finché ne avremo accesso gratuitamente), della Natura (finché non verrà completamente distrutta) e dell'ottimismo, oltre che nella consolazione che in quasi ogni periodo storico ci si è sentiti sempre sul baratro. 
Possiamo fare tutto quanto in nostro potere per toglierci dal sistema, per chiamarci fuori, etc.etc.etc.

Però...Però lo spreco resta, continua e persevera e a me è proprio questo che fa arrabbiare! Non è avere meno soldi che mi rattrista ma è che vengano buttati nella spazzatura!!!
Perché se che ci governa, ci ha governato e ci governerà, avesse almeno la decenza (come forse avviene in altri Stati) di rubare ma di riuscire a gestire lo stato con competenza, ecco, allora forse io potrei anche capire...Non giustificare, non comprendere, non condividere, ma capire...almeno un po'!

Invece quando vengono chiesti continuamente soldi in più ma se da un lato entrano dall'altro ne continuano a uscire e le cose continuano a non funzionare...Come si fa a convivere con una situazione del genere?

Si fa, perché poi avviene qualcosa di bello o di brutto, perché sei particolarmente stanco o allegro e alla fine ti passa anche questa...con la testa sotto la sabbia!

Però che rompere certi accordi sugli acquisti di F35 (aerei militari) sia un sacrificio meno fattibile di quelli chiesti, non riesco proprio ad accettarlo!


8 commenti:

  1. Sono assolutamente d'accordo con quanto dici. Spendere i soldi per distruggere invece che per costruire è terribile.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. purtroppo i conti dello stato non sono mai stati gestiti con il "buon senso del padre di famiglia"
    l'assistenzialismo eccessivo da un lato e gli sprechi dall'altro...
    ed ora credo che le nuove misure porteranno ad un ulteriore contrizione dei consumi ...
    nel 2009 ho perso il mio amato vecchio lavoro...da un anno e mezzo prendo 600 euro in meno al mese ed ho ridotto le spese drammaticamente...e mi ritengo fortunata di non essere tra i 2200 di termini imerese...
    ho continuamente la sensazione che la maggior parte delle persone non sia consapevole della situazione o sono forse io che a vedo esageratamente nera?...spero....
    big hug
    elena

    RispondiElimina
  3. Elena io non la vedo così nera in senso economico, perché alla fine l'interesse è che si abbia sempre un po' di soldi (pochi) da spendere...Io la vedo più nera in senso sociale e culturale, perché la paura della crisi è pericolosa, blocca e rende manovrabili...la paura in generale...

    RispondiElimina
  4. Concordo con te.
    La paura genera mostri.

    RispondiElimina
  5. Sì questa dei caccia intoccabili non la capisco neppure io. A parte i grossi interessi economici che ci sono dietro.

    RispondiElimina
  6. Appunto.
    "I grossi interessi economici che ci sono dietro."
    Proprio quelli.
    Così come per tante altre situazioni apparentemente irrisolvibili...

    Parliamone.

    Io credo che sia l'unica cosa costruttiva che possiamo fare, noi.
    Parliamone.
    Parliamone tanto.
    Scopriamo gli scheletri nell'armadio, denunciamo, gridiamo più forte che si può quello che non va.

    Anche perché così magari esorcizziamo un po' quella maledetta paura...
    Concordo con te su tutta la linea, Alchemilla, soprattutto su questo forte amore per la nostra Italia. Che non è quella dei politici ma quella delle persone. Quelle per bene...

    RispondiElimina
  7. Siamo sicuri che basta parlarne???

    Ho un sogno...TUTTI ma proprio tutti (non solo dipendenti, anche artigiani, commercianti, imprenditori, casalinghi...CHIUNQUE) molla tutto e sciopera per 1,2,3 giorni. TUTTI A ROMA A CHIEDERE RISPETTO!!!

    RispondiElimina

Iscriviti per ricevere la risposta.