martedì 18 dicembre 2012

Cheer up!

In questi giorni mi sento...inadeguata. Quando parlo mi sembra di parlare a sproposito e se (raramente) riesco a stare zitta ritengo di aver comunque sbagliato.
Inoltre, periodicamente (non ciclicamente...), mi accorgo che vengo considerata inattendibile. Probabilmente il mio modo di esprimermi, insieme al mio linguaggio non-verbale, trasmettono mancanza di sicurezza e lasciano spazio alle informazioni degli altri, che io so per certo essere sbagliate, perché difficilmente mi esprimo su fatti di cui non ho la certezza (opinioni, vedi sopra, ne dico anche troppe), ma che io non riesco a contraddire con risolutezza. E anche questa volta è probabile che mi sia espressa male e che dalle mie parole si possa leggere presunzione, che io creda di aver sempre ragione. Mi riferisco invece a fatti oggettivi, verificabili, reperibili a tutti, dei quali io sia a conoscenza ma, quando li cito, non vengo creduta, vengo smentita da altri o dal mio stesso interlocutore. Quando poi, in solitudine, vado a verificare, ho la conferma di avere ragione ma non sono stata capace di imporla, anche perché mi piacerebbe non dovermi imporre ma essere creduta, per il semplice fatto che difficilmente riporto fatti non veri, inventati, o distorti.
Devo imparare a comunicare, ad essere credibile, a parlare con voce ferma e sicura, perché mi rendo conto che spesso non conta quello che si dice ma come lo si dice.
Riguardo alle opinioni (e al sentirsi inadeguata) esagero: dico sempre la mia opinione, così come sono interessata a quella degli altri ma, forse per il mio tono di voce che quando mi appassiono tende ad alzarsi, forse per la fretta e il desiderio di esporre quello che penso, forse per l'impulsività, o l'agitazione che mi confonde il pensiero, non riesco a farmi capire, vengo fraintesa o comunque mi resta addosso l'amarezza per non essermi fatta capire.
Life is beautiful but it's complicated...Cheer up!


15 commenti:

  1. Capita di sentirsi così,ma ricorda quello che dici sempre a me!!e poi l'importante è che tu sappia quel che dici,non credi?

    RispondiElimina
  2. E' vero, per essere creduti è importantissimo come si parla, il tono, le pause, anche l'espressione del viso. Non basta essere convinti di quello che si dice, la cosa essenziale è che gli altri ti credano, convincere anche gli altri... Cerca su internet il testo La tua voce può cambiarti la vita di Ciro Imparato. E' scritto tutto li, ed è davvero illuminante!!!
    Un bacio
    Francesca

    RispondiElimina
  3. Anche a me capita di sentirmi inadeguata, di sentire di non essere stata compresa oppure di essere mal interpretata, così come mi capitano quelle situazioni in cui vorrei dire, ma se dico mi pento e se non dico pure... oh sì, la vita è complicata e difficile! O siamo noi a renderla complicata? Chissà...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse un po' tutte e due le cose...Mi consola sapere che anche tu hai queste "crisi"...

      Elimina
  4. Hai fatto bene a specificare "periodicamente (non ciclicamente...)", non sopporto chi, quando non accetta quello che ho appena detto, mi chiede "hai il ciclo?" o altre simili idiozie da maschio con quoziente intellettivo pari a 0.
    Dopo questa lungaaaaaaaaaa premessa ti posso dire che da bambina timida quale ero, mi sono fatta mettere i piedi in testa da molti e ho fatto molta fatica a socializzare. Oggi non intendo più starmene in disparte o farmi calpestare, se ho ragione o sono ferrata sull'argomento non sto zitta! Non sono invece capace di raccontare bugie o usare un sacco di parole per girare intorno a qualcosa che non conosco, tendo a "balbettare", non riesco a guardare negli occhi la persona, non sono convincente e arrossisco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. !!!
      Anche io non racconto bugie, è proprio il mio carattere, non lo facevo neanche da bambina. Forse io pretendo troppo dagli altri...

      Elimina
  5. Life is beautiful but it's complicated.
    Giustissimo! E anche un cheer up ci vuole!
    Cmq...ognuno di noi lotta per farsi capire; secondo me è una costante di tutta la vita, che sia la voce, il modo di reagire, la sensibilità e così via, ognuno cerca di farsi capire. Credo sia l'impegno più difficile che dobbiamo portare avanti, ma quando ci si riesce è bellissimo :)

    p.s. ho cambiato indirizzo del blog. Il nuovo è:
    www.travelupsidedown.com
    Col vecchio nn si ricevono più gli aggiornamenti!
    A presto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti, vista così!

      Ok, passo ad aggiornare i miei feed. Ciao!

      Elimina
  6. Succede anche a me. A voce non riesco ad essere assertiva neanche quando so di avere informazioni esatte. Mi è più facile per iscritto. Comunque anche lì il dubbio su di me debbo prima combatterlo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "il dubbio su di me" esatto: devo combattere prima quello, sono io per prima che ho paura di non ricordare bene, di non aver ragione. Devo combattere quello!

      Elimina
  7. penso sia comune....
    succede pure a me...
    posso consigliarti una lettura? Ciro Imparato (lui e' fodamentalmente un doppiatore)..me lo ha consigliato la mia insegnate di canto...per evitare le "daltonie vocali"....quando cioe' vogliamo comunicare una cosa ma lo diciamo con un tono o un accento sbagliato....
    (in ogni caso da non prendere troppo sul serio)
    se ti incuriosisce ed hai un ebook reader ti mando tutto....(pdf e cd)...
    buon 2013.
    elena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Elena, acquistato! Adesso devo leggerlo e applicarlo!

      Elimina
  8. Sì però non pretendere troppo da te stessa. Che si adeguino gli altri ogni tanto, no?

    RispondiElimina

Iscriviti per ricevere la risposta.