martedì 6 gennaio 2015

Le donne che leggono sono pericolose

Oggi parliamo di buona scuola, di quella scuola che molti vivono ma di cui pochi parlano.


A Bergamo al liceo Artistico Manzù è allestista, fino al 24 gennaio, una mostra veramente interessante dal titolo "Le donne che leggono sono pericolose". 
Questa mostra è stata allestita da due studentesse di 17 anni, Andrea Benedetta Bonaschi e Francesca Mirabile, che hanno scelto 20 famosi dipinti che ritraggono donne che leggono e hanno cercato di riprodurli con fotografie che ritraggono moderne lettrici in ambienti, pose e fattezze identiche a quelle dei dipinti ma modernizzate.
Un'idea davvero originale, che ha impegnato le ragazze e i loro collaboratori nella ricerca delle lettrici, dei tessuti, degli ambienti con un risultato veramente notevole.
Sono rimasta piacevolmente stupita da questa mostra e dalla cura con cui sono state realizzate le fotografie.
Se siete lontane potete vedere tutte le fotografie sul sito della scuola. Altrimenti potete fare un giro nella bella Bergamo e visitare la mostra tutti i giorni dalle 8 alle 14 fino al 24 gennaio.

Qui ci sono tutti gli abbinamenti dipinto/fotografia. Dateci un'occhiata!!!

5 commenti:

  1. Ma che bella idea. Ho visto le foto e gli abbinamenti e sono davvero stupende. Brave davvero queste ragazze. Complimenti!!!
    Un abbraccio e grazie per averci fatto vedere queste bellissime foto.
    Francesca

    RispondiElimina
  2. Ma che brave! Davvero una bella idea sia dal punto di vista del messaggio sia dal punto di vista estetico (per quello che ci posso capire). L'hanno segnalata a Fahrenheit (la trasmissione di Radio3 sui libri)? Merita senz'altro che venga pubblicizzata.
    Se mi permetti, lo faccio anche nel mio blog. Grazie!

    RispondiElimina
  3. Ma è fantastico! Davvero! E ha ragione Artemisia, merita che se ne parli, altroché! Ne parlo anche con le ragazze di Zebuk, ok? ;)

    RispondiElimina
  4. Certo carissime, diffondete più che potete!

    RispondiElimina

Iscriviti per ricevere la risposta.