venerdì 18 marzo 2016

I musei di New York

MET

New York è ricca di musei, per questo è una meta perfetta anche per l'inverno o per quando piove, c'è sempre qualcosa da fare.
Abbiamo visitato molti musei ma vi parlerò solo dei principali.
Ho dedicato un post a parte al Brooklyn Museum, perché è il meno conosciuto ma bellissimo.
Il Guggenheim è piuttosto povero, la struttura è conosciuta e particolare, bella da vedere e da risalire ma le opere d'arte presenti non sono molte e la maggior parte è veramente stravagante.





Vale la pena entrare al Museum of the City of New York anche solo per questo quadro di Stone Roberts e per la casa di bambole:

Stone Roberts, Central Station, 2013


Stettheimer Dollhouse

Le opere presenti al MoMa, Museum of Moderm Art, sono molto conosciute. Le mie figlie erano stanche e se ne stavano sedute sulle poltrone, le ho obbligate con la forza a vedere almeno i quadri principali che avrebbero incontrato chissà quante volte nella loro vita, o anche solo sui libri di scuola.
Al MoMa c'è tantissima gente, soprattutto quando piove. Ci sono tutti gli artisti più conosciuti e amati: Van Gogh, Monet, Klimt, Magritte, Dalì, Miro, Pollock. 
Io ho scoperto Umberto Boccioni e Pablo Picasso che dal vivo mi sono piaciuti molto più che sui libri. 

Umberto Boccioni


Picasso



Nel Whitney Museum of American Art ci sono stata due volte: è appena stato trasferito nella nuovissima struttura, alla fine della High Line, realizzato da Renzo Piano. Ci sono terrazze in cui rilassarsi e guardare il panorama e ci sono opere d'arte scelte con cura. Non sono tantissime, si può visitare con attenzione, senza stancarsi, ma non si rimane delusi. Secondo me è adatto anche a chi non ama particolarmente l'arte contemporanea.

Robert Bechtle, Iperealismo americano, '61 Pontiac

Vi assicuro che non sono mensole!





Ma il museo da non perdere assolutamente, quello in cui si potrebbero passare giorni interi e dal quale uscirete stanchi ma felici è sicuramente The Metropolitan Museum of Art, il MET. E anche qui c'è un punto panoramico: il Roof Garden.
Per il nostro imminente ritorno a New York dovevo scegliere un solo museo in cui tornare ed ho scelto questo. Ce n'è veramente per tutti i gusti in questo museo e ci sono dipinti dei più importanti pittori di tutto il mondo (anche italiani). Mi riesce difficile selezionare un paio di opere da mostrare.
Sono uscita dal museo stremata e ne ho visitato solo alcune parti, concentrandomi sull'arte dell'ottocento e del novecento. Immagino che bello debba essere vivere a New York, fare l'abbonamento annuale e andarci ogni volta che si vuole, anche solo per pochi minuti al giorno, così tanto per fare il pieno di bellezza. Inoltre è appena fuori dal Central Park. Un luogo ideale!
Dedicherò un post tutto al Met prossimamente, per ora scelgo queste due bellissime opere che dal vivo incantano:

Dioniso Baixeras y Verdaguer, Boatmen of Barcelona, 1886

Jules Breton, The Weeders, 1868






Nessun commento:

Posta un commento

Iscriviti per ricevere la risposta.