domenica 26 giugno 2011

IL BUIO OLTRE LA SIEPE - Harper Lee (1960)

Siamo in Alabama, a Maycomb, una bambina di sei anni racconta, dal suo punto di vista, gli avvenimenti e la vita nella sua città negli anni trenta.
Scout e Jem sono due fratelli, orfani di madre, cresciuti dal padre, Atticus Finch, un avvocato di sani principi, con l'aiuto della governante, Calpurnia, una donna di colore a cui sono tutti affezionati.
Nella loro strada abitano persone diverse ma tutte interessanti e, per ognuna di loro, oltre alla dettagliata descrizione fisica e della casa, nel romanzo viene descritto un episodio che insegnerà qualcosa ai ragazzi.
L'interesse maggiore di Jem e Scout è però Boo (Arthur) Radley: un uomo che non esce di casa da molti anni. Cercano in tutti i modi di vederlo o di costringerlo ad uscire, con l'aiuto del loro amico Dill che passa l'estate in città.
L'avvenimento centrale del romanzo è la difesa del padre di un uomo di colore, Tom Robinson, accusato ingiustamente dello stupro di Mayella Ewell, una giovane donna bianca.
Questo mette i ragazzi a stretto contatto con i pregiudizi e li costringe a vedere che grande uomo sia il padre, mite e riservato. Assistono anche a tutto il processo in aula e non si capacitano dell'accusa di colpevolezza.
Il romanzo, molto bello, dettagliato, si conclude con l'aggressione del padre di Mayella, colpevole a sua volte di violenza verso i figli, ai danni di Jem e Scout che verranno salvati proprio da Boo Radley, il quale ucciderà Bob Ewell ma lo sceriffo vedrà di far passare tutto come un incidente.
In questo modo Scout scoprirà il volto di Boo e saprà che lui li ha sempre osservati e protetti anche da dentro casa sua.
Tom Robinson, purtroppo, verrà ucciso in prigione durante un tentativo di fuga.
Proprio il fatto che non ci sia un lieto fine nella vicenda di Tom porta il lettore a riflettere si pregiudizi e sul razzismo, senza che queste riflessioni gli vengano addolcite dal finale sperato.
Ci sono molti insegnamenti nel libro, senza eccessivo moralismo, anche perché velati dagli occhi della bambina che portano ancora una volta a chiedersi perché gli adulti perdano quello sguardo...
E' un libro da rileggere, da consigliare, anche ai ragazzi.
Ogni personaggio ha il suo spazio, vorrei parlare di tutti ma non sarebbe più un riassunto.
Cito la vicina Miss Maudie Atkinson, allegra e amante del suo giardino, molto affezionata ai ragazzi.
La zia Alexandra, seria e severa, legata alla tradizione.
La signora Lafayette Dubose, scorbutica e crudele, gravemente malata, che il padre rivaluterà agli occhi dei figli.

Titolo originale: To kill a mockingbird 

I MIEI COMMENTI

Finito di leggere: 26 Giugno 2011, al mare
Visto il film: Agosto 2011

3 commenti:

  1. Ciao Alchemilla, mi mancava leggerti e così ho fatto un salto sul tuo profilo. Scopro questo nuovo blog e questo libro molto interessante. Ti faccio i miei migliori auguri per questa tua nuova avventura.

    RispondiElimina
  2. Ciao! Grazie per gli auguri. E' un blog senza pretese: è proprio il mio diario per tenere traccia dei libri che leggo.

    RispondiElimina
  3. ma si puo scaricare il libro (completo) in versione pdf?

    RispondiElimina

Iscriviti per ricevere la risposta.